Sanda 1
Attualità

San Damiano: «Tutelare le piante se si vogliono raccogliere tartufi»

Se n’è parlato in un convegno in municipio nella seconda domenica dedicata alla fiera
“L’ecosostenibilità del tartufo” è stato il tema su cui si è incentrato il convegno organizzato nel Municipio di San Damiano nella seconda domenica della “Fiera del tartufo” ed a corollario del ricevimento dei registi americani Michael Dwerk e Gregory Kershaw e della creazione del bosco in piazza Libertà per la ricerca simulata del tartufo. Nel saluto di apertura, il sindaco Migliasso ha ricordato che a San Damiano «da tempo si investe sul tartufo e si vuole tutelare le piante tartufigene, che non devono essere abbattute in modo scriteriato, impoverendo il territorio.»

Fra le autorità presenti il presidente della Provincia Paolo Lanfranco, il sindaco di Asti Maurizio Rasero, l’assessore al turismo di Asti Loretta Bologna ed il presidente della Fondazione CRAT Mario Sacco. Il presidente dell’associazione per il “Centro nazionale studi sul tartufo”, Antonio Degiaconi, ha rimarcato che «esiste un’enorme sproporzione fra la promozione del territorio e l’impegno a non far calare la produzione di tartufo. La gestione degli ambienti naturali è stata avviata in ritardo e sono stati fatti alcuni ripristini di tartufaia e poco più. Bisogna invertire una tendenza piantando e gestendo con attenzione le aree scelte.»

Mario Botto, presidente dell’A.T.A.M. ha polemizzato con la decisione della Regione Piemonte di richiedere richieste on line per i contributi assegnati alle piante tartufigene: «Spesso i proprietari delle piante sono anziani – ha detto – e non bisogna scoraggiarli nelle loro richieste di indennizzi che si aggirano sui 100 – 150 euro; in caso contrario si perderà il 30-40% del patrimonio arboreo.»

Per il presidente dell’Associazione Tartufai Sandamianesi, Andrea Bossotto, «non si può più andare a tartufi tre mesi: si deve lavorare tutto l’anno rientrando nel bosco per ripulire i danni fatti e per cercare di creare un equilibrio. Bisogna salvaguardare le piante e semplificare la comunicazione, ripulendo i boschi e riportandoli in produzione: i tartufi possono tornare anche nei terreni da tempo improduttivi. Dobbiamo informare i proprietari delle piante affinchè non le abbattano.» Il prof. Marco De Vecchi (Università di Torino) ha ribadito che la tutela degli alberi deve essere di tutti, dei cittadini, delle associazioni e delle amministrazioni. Infine, il dottor Igor Boni, tecnico IPLA, ha affrontato gli aspetti più tecnici della creazione di una tartufaia, illustrando le esperienze sinora fatte in Piemonte.

Nelle foto: il bosco in Piazza Libertà e un momento del convegno in Sala Consiliare.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail