Strada Laverdina: ultimo atto per finirla
Attualità

Strada Laverdina: ultimo atto per finirla

Al via la gara dì appalto per l’asfaltatura finale. I lavori fermi dal 2009, riavviati dalla giunta Brignolo nel 2013

La vicenda di strada Laverdina giunge all’ultimo atto: l’amministrazione ha avviato le procedure per appaltare l’asfaltatura finale, con materiale fonoassorbente, della strada e delle pertinenze.

L’avviso pubblico per rendere nota la procedura e invitare le aziende a manifestare l’interesse ad essere invitate alla gara è stato pubblicato nei giorni scorsi e le ditte interessate potranno farsi avanti entro le ore 12,00 del 29 agosto.

L’importo dei lavori mancanti è di 62 mila euro più Iva.

Il Consorzio degli operatori che hanno costruito i palazzi e le ville della zona (molte delle quali lasciate a metà) aveva nel 2009 sospeso la realizzazione della strada, dei marciapiedi e di altre opere pubbliche del quartiere.

“Inspiegabilmente – si legge in una nota stampa del sindaco – la precedente amministrazione comunale era rimasta inerte e solo nel 2013 la nuova amministrazione ha deciso di incassare la fideiussione, facendo entrare nelle casse comunali 580.000 euro, che sono stati utilizzati per appaltare i lavori non realizzati dai privati. La procedura è stata piuttosto complessa, perché il Comune, per agire con la massima cautela ed essere sicuro di non incorrere in opposizioni, sapendo di muoversi su un terreno minato, in cui i cavilli giuridici sono all’ordine del giorno, ha commissionato una perizia ad un professionista esterno per avere l’assoluta certezza dell’entità dei lavori ancora da realizzare”.

Il sindaco Fabrizio Brignolo ha più volte elogiato la pazienza dei cittadini che per anni sono stati costretti a vivere in mezzo al fango e a cantieri abbandonati: “Speriamo – aggiunge – che abbiano comunque compreso il nostro impegno e lo sforzo che abbiamo fatto per sistemare la situazione e dotare la zona di servizi adeguati, come la nuova pedana polivalente per i ragazzini in via Turati”.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo