Console Macedonia e Gandolfo1
Attualità
Integrazione

Un “Ponte di Pietra” lungo dieci anni tra Canelli e Skopie

La comunità macedone canellese ha festeggiato il decennale dell’associazione fondata da Ilona Zaharieva. Presente il Console generale in Italia a Venezia Stojan Vitanov.

Un ponte tra l’Italia e la Macedonia che unisce Canelli e Skopie. Dieci anni del “Ponte di Pietra”, monumento simbolo della capitale macedone divenuto trait d’union tra i due Paesi.

Il compleanno di quella che è diventata, nel tempo, più di un’associazione è stato celebrato sabato alla Sala delle Stelle del municipio. Presenti le autorità locali, con Ilona Zaharieva, fondatrice e presidente della onlus, il console della Macedonia a Venezia Stojan Vitanov co  delegazioni da Francia e Svizzera. Appuntamento che ha permesso di tracciare un bilancio delle attività svolte nel decennio.

«Molte cose, oggi, sono cambiate da quando nacque il Ponte di Pietra, ma noi ci crediamo sempre e portiamo avanti le attività che ci caratterizzano» ha detto Zaharieva. Che ha ricordato quanto fatto sia con  le associazioni cittadine sia per i macedoni sparsi nel mondo: le raccolte di beneficenza e l’aiuto alle popolazioni devastate dalle alluvioni, la collaborazione con la scuola per adulti di Canelli e il progetto “Comunicare per integrare” nel quale 30 ragazze della Macedonia hanno imparato usi e costumi italiani. Importante l’imput dato dal Ponte di Pietra alla delocalizzazione amministrativa, con la presenza sul territorio del console per le incombenze burocratiche. «Iniziativa – ha ricordato Ilona Zaharieva – che è stata poi copiata in molti altri Paesi».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail