Vede la luce ad Asti il primoAlbergo Etico d'Italia
Attualità

Vede la luce ad Asti il primo
Albergo Etico d'Italia

Quello che da tanti anni sembrava un sogno irraggiungibile è finalmente una realtà pronta ad essere presentata a tutta la cittadinanza: sta per vedere la luce il primo Albergo Etico d'Italia e

Quello che da tanti anni sembrava un sogno irraggiungibile è finalmente una realtà pronta ad essere presentata a tutta la cittadinanza: sta per vedere la luce il primo Albergo Etico d'Italia e nascerà proprio nella nostra città. La Cooperativa Download lo inaugura ad Asti in corso Galileo Ferraris (nella sede dell'ex Hotel Priore) oggi, giovedì, alle 18. Come descrivere un albergo etico? E' l'esperienza che unisce un progetto imprenditoriale ad una importante sfida sociale: quella di creare una struttura che non solo sia accessibile alle persone con disabilità, ma ne favorisca anche l'accesso nel mercato del lavoro.

L'Albergo sarà aperto al pubblico come struttura ricettiva dotata di reception, camere e ristorante. Il progetto trae ispirazione dall'esperienza dell'Associazione Albergo Etico che, a partire dal 2006, inserisce nel mondo del lavoro ragazzi con sindrome di Down, attraverso il metodo "download", aiutandoli così a conseguire la propria autonomia, diventando figure professionali nel settore alberghiero e della ristorazione. L'Associazione Albergo Etico ha ricevuto il "Premio Cittadino Europeo" assegnato dal Parlamento Europeo nel 2012 ed è presente nel Padiglione Italia di Expo 2015.

La nuova struttura astigiana nasce anche grazie all'importante contributo dei partner Fondazione Vodafone e FAB (Fondo Assistenza e Benessere) e collabora con partner tecnici come Lavazza e Fassa Bortolo proponendosi come primo esempio di un nuovo modo di intendere il turismo che possa essere esportato in un numero crescente di altre realtà. Un turismo etico, appunto, che dimostra come sia possibile accorciare la distanza con la disabilità delle persone.

r.a.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo