La Nuova Provincia > Casa > Alla Camiceria Aliberti di Asti camicie e cravatte con la qualità “made in Italy”
Casa Asti -

Alla Camiceria Aliberti di Asti camicie e cravatte con la qualità “made in Italy”

Al negozio di Tiziana De Felice in via Palazzo di Città fiore all'occhiello sono i tessuti di pregio che caratterizzano camicie da uomo e cravatte

CONTENUTO SPONSORIZZATO

La Camiceria Aliberti dal 1994

Dopo lo sguardo malinconico sulla città deserta e le vie silenziose dei primi giorni di chiusura delle attività e stop agli spostamenti, con grande entusiasmo si torna ad accogliere i clienti alla Camiceria Aliberti di via Palazzo di Città, a due passi da piazza San Secondo, cuore della città. Un’attività avviata nel 1994, che ha avuto per 24 anni, fino a due anni fa, sede in via Aliberti, nel centro storico, e che si è sempre contraddistinta per l’alta qualità delle sue camicie da uomo, caratterizzate da tessuti di eccellenza. «Si tratta di camicie da uomo di media e alta gamma, che si caratterizzano per l’alta qualità dei tessuti, realizzate da aziende italiane da cui mi servo da anni proprio per l’elevato livello che sanno garantire – spiega Tiziana De Felice – Camicie dal gusto classico, ma che guardano anche ad una nota di allegria e di colore per i mesi estivi, accanto ai colori bianco e azzurro che tanto piacciono in ogni periodo dell’anno». Dalle camicie in lino che offrono la possibilità di spaziare dai toni più classici, con tinte unite o motivi a righe, fino a vivaci fantasie o fiori, per uscire dai colori più tradizionali; a cotoni di grande particolarità e importanza che insieme a linee e rifiniture denotano il valore di un capo pregiato.

Aliberti Camiceria ad Asti in via Palazzo di Città

Alcune delle camicie in lino della Camiceria Aliberti

Cravatte tradizionali e a 5 o 7 pieghe

E accanto ad una camicia pregiata non può mancare una cravatta di grande qualità, simbolo per eccellenza di stile ed eleganza. «Anche in questo caso si tratta di cravatte realizzate da un’azienda italiana, che ha sede a Como – sottolinea Tiziana De Felice – Dalle cravatte tradizionali alle cravatte in seta di grande morbidezza che consente di essere realizzata a cinque o sette pieghe». Si tratta di cravatte di particolare pregio, in cui il tessuto attraverso cui sono realizzate, una volta tagliato e prima della cucitura finale, viene ripiegato più volte su se stesso. E alla Camiceria Aliberti si potrà anche trovare un corner dedicato all’abbigliamento donna, con gli ultimi capi a disposizione della linea “Elena Mirò”. Una speciale occasione in questi giorni al negozio di via Palazzo di Città: i capi “Elena Mirò” (circa 70 pezzi), disponibili dalla taglia 46, saranno in vendita a partire da 49 euro. Alla Camiceria Aliberti tutto è pronto per accogliere la clientela secondo le misure previste per la tutela della sicurezza ed anche attraverso la disponibili di ingressi su appuntamento e orari che potranno variare rispetto al passato, nell’ottica di una sempre speciale attenzione al pubblico. Per info e appuntamenti: tel. 339/5889020. «Sono davvero piena di entusiasmo. Siamo ripartiti ieri, lunedì, con il “giorno zero”, con tutta la buona volontà, professionalità, “sacrificio”, coerenza, garbo, le precauzioni da prendere per voi e per me, il buon senso, il desiderio di ricominciare dopo questa lunga “sessantena” – commenta Tiziana De Felice – Ora dunque si riparte, ricordando che con i nostri piccoli negozi teniamo viva, pulita e accesa la città. Buon lavoro a tutti».

Camicie da uomo e cravatte alla Camiceria Aliberti di via Palazzo di Città

Apertura in tutta sicurezza

Tante le domande e i dubbi che hanno accompagnato i giorni di attesa per la riapertura dei negozi, circa le modalità che regoleranno il lavoro nelle prossime settimane. Quel che non manca però è l’entusiasmo, la voglia di tornare a lavorare e riaprire le porte del proprio negozio. «Non si possono nascondere i problemi per un negozio causati da una chiusura di oltre due mesi. Ma io sono innanzitutto contenta di poter tornare al lavoro e riprendere ad accogliere i clienti che arrivano al mio negozio. E tutto è stato preparato per ripartire in sicurezza», dice Tiziana De Felice, titolare della Camiceria Aliberti di via Palazzo di Città, a pochi passi dalla centrale piazza San Secondo, che propone dal 1994 camicie e cravatte da uomo di media e alta gamma, frutto del “made in Italy” che guarda in modo particolare ai tessuti di grande qualità. Guanti e mascherine saranno necessari per l’accesso al negozio; gel disinfettante a disposizione dei clienti ed ingressi contingentati per evitare assembramenti all’esterno dell’esercizio commerciale. «Avrò anche a disposizione mascherine protettive lavabili che ho fatto fare da una camiceria e dunque anche in questo caso di produzione italiana, realizzate in colorazioni fashion, dal nero al verde militare. E ci sarà la possibilità di prendere appuntamento, prevedendo anche orari diversi da quelli di apertura del negozio – sottolinea Tiziana De Felice – Sto anche valutando la possibilità di qualche apertura la domenica mattina per favorire l’ingresso in negozio senza il disagio di attese e per agevolare dunque i clienti nelle tempistiche».

Tiziana De Felice

Ancor più attenzione al cliente

«Abbiamo forzatamente e improvvisamente in questi mesi dovuto rallentare il ritmo delle nostre giornate, a seguito della chiusura delle attività e delle limitazioni agli spostamenti. Ora ripartiamo con regole nuove, che modificano ancora una volta le abitudini che regolavano la nostra quotidianità. Le modalità che regoleranno l’accoglienza dei clienti in negozio determineranno tempi certamente diversi rispetto ad appena due mesi e voglio cogliere in questo un aspetto positivo: ci sarà la possibilità di dedicarsi ad un cliente in modo più rilassato, più soft, riservandogli un’attenzione ancora maggiore – riflette la signora Tiziana – Un’attenzione che partirà certamente anche dall’adozione delle misure richieste per tutelare la salute di tutti, a partire dall’uso di guanti, mascherine, gel disinfettante e la sanificazione dei locali a cui già si provvedeva prima ancora dell’emergenza sanitaria che si è verificata».

Articolo precedente
Articolo precedente