La Nuova Provincia > Casa > Blu, verde e rosso per piatti e tazze dallo stile vintage: in tavola il “transferware”
CasaAsti -

Blu, verde e rosso per piatti e tazze dallo stile vintage: in tavola il “transferware”

Grandi bordure a tema floreale che incorniciano paesaggi e scene di vita agreste: cresce la passione per le stoviglie realizzate con la tecnica inglese di fine '700

Con il “transferware” piatti e tazze vintage

Inconfondibili grandi bordure a tema floreale che incorniciano paesaggi e scene di vita agreste. Nei toni del blu, verde e rosso, su sfondo bianco. Sono i piatti, ma anche tazze, brocche e zuppiere, realizzati secondo la tecnica decorativa inglese del transferware, uno dei primi fenomeni di produzione industriale su larga scala di articoli per la casa e la tavola nati tra ‘700 e ‘800 nella regione inglese dello Staffordshire. In Italia si diffusero in modo particolare negli anni ‘50-‘60: si trovano ancora in molte case di genitori e nonni e si possono acquistare a prezzi abbordabili nei mercatini di modernariato.

In tavola

Oggetti vintage che trovano grandi consensi per ricreare a tavola un’atmosfera country raffinata. Per adattarli ai gusti contemporanei, si potranno creare accostamenti con pezzi dalle linee semplici e tinte unite. Tovaglie e runner bianchi, con inserti in tinta appena accennati, e sottopiatti bianchi saranno ideali per accompagnare i piatti dai colori decisi del blu cobalto, il verde e il rosso. E ben si adattano alla tendenza di oggi ad apparecchiare la tavola con piatti spaiati: si potranno scegliere il piatto piano di un servizio e il piatto fondo di un altro, avendo però cura di accostare con sapienza i toni e colori; oppure apparecchiare la tavola a scacchiera, alternando i piatti di un servizio a quelli di un altro. L’unica prerogativa, in una scelta assolutamente fantasiosa, sarà quella di assicurare uno stile armonioso e piacevole.

Vintage e riuso

Una tendenza, quella del vintage, che ben si allinea con la sapiente scelta del riuso e del riciclo a cui oggi si guarda sempre più. Per la tavola sono ampie le possibilità: basterà curiosare tra i ripiani delle credenze della casa di famiglia o dei nonni o “esplorare” i mercatini dedicati al modernariato per ridare vita agli oggetti di un tempo, che spesso hanno fatto epoca.Oltre a piatti e tazzine, tanti gli oggetti per la cucina che potranno essere riscoperti: dalle zuppiere ai bollitori tenuti in caldo sulle stufe di un tempo, dalle fruste a barattoli e bilance da cucina, fino ai contenitori in metallo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente