Cerca
Close this search box.
<img src="https://lanuovaprovincia.it/wp-content/uploads/elementor/thumbs/17-treni-speciali-messi-a-disposizionebrdalla-regione-per-sagre-e-palio-di-asti-56e689c7b63001-nkikeq3tsf5thcq7lpwrju1tegmix13sr1ayr81si0.jpg" title="17 treni speciali messi a disposizione
dalla Regione per Sagre e Palio di Asti" alt="17 treni speciali messi a disposizionedalla Regione per Sagre e Palio di Asti" loading="lazy" />
Cronaca

17 treni speciali messi a disposizione
dalla Regione per Sagre e Palio di Asti

In occasione del Festival delle Sagre di Asti, la Regione Piemonte, in collaborazione con Trenitalia, metterà a disposizione 17 treni speciali che si aggiungeranno alla normale offerta ferroviaria:

In occasione del Festival delle Sagre di Asti, la Regione Piemonte, in collaborazione con Trenitalia, metterà a disposizione 17 treni speciali che si aggiungeranno alla normale offerta ferroviaria: sabato 13 e domenica 14 settembre partenza da Porta Nuova per Asti alle 17.40, 18.40, 19.40 e 20.10 e ritorno a Torino con partenza alle 23.40, 00.35, 01.00 e 02.00 (con fermate in tutte le stazioni ad eccezione di Moncalieri, Pessione e San Paolo Solbrito); da Asti per Alessandria con partenza alle 00.40 (con fermate in tutte le stazioni). Domenica 14 settembre: partenza da Porta Nuova alle 09.20, 09.45, 10.10 e 11.45 e ritorno alle 15.30, 16.00, 17.00 e 18.00.

assessore regionale ai Trasporti, Francesco Balocco, giudica il treno «il mezzo più sicuro per godersi la festa» e puntualizza che «l’iniziativa fa parte della campagna sulla sicurezza stradale ed il consumo responsabile di alcolici che la Regione intende proseguire. Dato l’elevato numero di corse in grado di garantire la massima comodità e flessibilità di orario, sia all’andata che al ritorno, è auspicabile che in molti ne facciano uso. Negli scorsi anni questa iniziativa ha riscosso molto successo, che ci auguriamo si possa replicare anche per questa edizione.»

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link

Edizione digitale