IMG-20220803-WA0007
Cronaca
Galleria 
Carabinieri Forestali

Anche ad Asti ci sono i “furti d’acqua”: denunciati due agricoltori

Pescavano dal torrente Belbo senza alcuna concessione. Rischiano multe fino a 30 mila euro

Mai come in questa estate torrida l’acqua si è rivelata un bene prezioso e, soprattutto in agricoltura, fondamentale per salvare il salvabile di una stagione fortemente compromessa dalla siccità.

Ma esistono regole anche nell’emergenza e carabinieri Forestali e Arpa Piemonte sono stati chiamati ad eseguire dei controlli su tutta la regione per verificare la presenza di veri e propri furti d’acqua che non fanno altro che impattare ulteriormente sulla scarsità dei corsi.

Nell’Astigiano, durante il mese di luglio, i carabinieri forestali hanno innalzato il livello di attenzione sul fenomeno dei prelevamenti di acqua da fiumi e torrenti che, è bene ricordarlo, devono essere autorizzati.

Due sono stati i casi di prelievo abusivo di acqua registrati, e tutti e due dal torrente Belbo nella zona di Nizza Monferrato.

Due agricoltori pescavano acqua dal fiume e la convogliavano ai campi per irrigare barbatelle di vite e pomodori senza, appunto, essere in possesso della concessione.

In un caso il prelievo avveniva attraverso l’uso di una pompa carrabile alimentata da un motore a scoppio incorporato mentre nel secondo la pompa era alimentata direttamente dal trattore.

I due titolari di aziende agricole rischiano di pagare fino a 30 mila euro di sanzione.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Edizione digitale
Precedente
Successivo