beppe sassone sito
Cronaca
Lutto

Asti perde un altro grande della ristorazione: addio a Beppe Sassone di Barolo&Co.

E’ mancato all’età di 81 anni. Era stato anche gestore dell’Enoteca di Vignale e tra i fondatori del Consorzio Ristoratori di Asti

Un anno che comincia con una tristissima notizia per la ristorazione astigiana e per i tanti clienti buongustai che avevano potuto godere della cucina e della simpatia di Giuseppe Sassone, storico titolare del ristorante Barolo&Co. che aveva sede in via Battisti.

Beppe, come tutti lo conoscevano, è mancato ieri ad 81 anni.

Volto noto fra i ristoratori della nostra città, iniziò la sua carriera gestendo il bar della piscina comunale di Asti passando poi alla gestione della prestigiosa Enoteca di Vignale. Ma è nel 1992 che, insieme alla moglie, ha dato vita ad uno dei locali più frequentati ed apprezzati: Barolo&Co, nella centralissima via Battisti, con il ristorante che offriva le salette molto accoglienti al piano della strada e gli altrettanti straordinari locali cantina al piano interrato.

Fra i primi a servire una cucina tradizionale rivisitata, soprattutto negli impiattamenti, non ha mai perso il suo talento di oste, nell’accezione di ristoratore capace di accogliere, consigliare, intrattenere con una simpatia ineguagliabile senza  mai essere nè invadente nè eccessivo.

Era nato per fare questo mestiere e lo ha onorato fino alla chiusura di Barolo&Co, nel 2006 per andare in pensione e dedicarsi ad un’altra grande passione, quella del golf.

Mentre era in attività fu tra i fondatori e anima del Consorzio Ristoratori di Asti di cui seguì sempre da vicino le sorti e le scelte strategiche.

Beppe, che viveva a Vaglierano, lascia la moglie Renata, i figli Stefano e Flavio con Antonella e l’adorata nipote Eleonora.

Questa sera, mercoledì, alle 19 rosario nella Collegiata di San Secondo dove si terranno i funerali domani, giovedì 5 gennaio alle 10,45.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale