gina la piadina
Cronaca

Asti, rubati nella notte ombrelloni e illuminazione del dehor di Gina La Piadina

Hanno agito dopo le 21,30. Il locale ha allestito un’area esterna riproducendo un prato con tavoli e sgabelli a forma di alberi e coniglietti

In via Gobetti

E’ durato appena tre giorni l’allestimento originale del dehor di Gina La Piadina, il popolare locale nel cuore di Asti, in via Gobetti a pochi passi dalla centralissima piazza San Secondo.

Nella notte fra ieri e oggi, infatti, qualcuno si è portato via i due grandi ombrelloni che venivano chiusi e lasciati lì per la riapertura del giorno successivo; insieme si sono rubati anche tutto l’allestimento illuminotecnico dell’area all’aperto preparata dalla proprietà del locale.

Così si presentava stamattina il dehor

Uno dei dehors più originali e allegri

Il dehor di Gina La Piadina è uno dei più belli e originali di tutta Asti, perchè ricrea un prato di campagna: tappeto a terra di erba sintetica con tavolini e sgabelli di alto design di Qeeboo. Tavolini per adulti e bambini a forma di albero e sgabelli, sempre in due diverse misure, a forma di coniglietti. Quelli vengono ritirati ogni sera e dunque non sono finiti nel bottino dei ladri, ma gli ombrelloni e le luci sì.

«Un gesto che ci ha profondamente colpito»

Grandissima l’amarezza di Roberto Cairo, di Gina La Piadina, alla scoperta del furto questa mattina: «Non è solo per la questione economica, ma è un gesto che ci ha profondamente addolorati. Siamo stati fermi praticamente tre mesi, siamo tornati con la voglia di ripartire e di lasciarci tutto alle spalle, abbiamo speso ore per immaginarci il nostro locale nella nuova veste che rispetti le norme anticontagio e abbiamo fatto l’investimento di un’area esterna allegra e diversa per seminare sorrisi e allegria. E poi arriva qualcuno e in pochi minuti in spregio a tutto se ne porta via un pezzo». Stamattina i due ombrelloni sono già stati riacquistati e per la riapertura di oggi sarà di nuovo tutto allestito, ma questo non cancella il gesto dei ladri.

Il furto ripreso dalle telecamere

La zona è coperta dalla videosorveglianza delle telecamere, dunque è molto probabile che la “prodezza” sia stata immortalata. Visto il peso e l’ingombro degli ombrelloni non può essere stato un ladro solitario ma almeno un gruppo di due o tre. Ancora da capire dove abbiano lasciato un mezzo (furgoncino o pick up) sul quale caricare la particolare refurtiva.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo