Cerca
Close this search box.
sala operative x
Cronaca
Carabinieri e Polizia Locale

Canelli: grazie alle telecamere preso l’aggressore che ha portato in fin di vita il ragazzo soccorso in piazza

I carabinieri nella notte hanno identificato e rintracciato l’aggressore. La vittima portato via in elisoccorso per la gravità delle ferite riportate alla testa

Un pestaggio di violenza inaudita, scene mai neppure immaginate. Sono questi i commenti di chi ha visto cosa è capitato ieri in  piazza Carlo Gancia all’incrocio con piazza Cavour poco prima delle 18.

Secondo le prime informazioni trapelate, un ragazzo di origini ghambiane, appena 18 enne, è stato aggredito con grandissima violenza da un connazionale. La vittima è sicuramente un richiedente asilo e con ogni probabilità lo è anche il suo aggressore che si è dato alla fuga ma che è stato identificato e rintracciato nella notte dai carabinieri di Canelli intervenuti sul posto.

L’aggredito ha riportato lesioni gravissime al capo a causa di una serie di bastonate inferte dal connazionale. Le sue condizioni sono apparse subito serie e preoccupanti ai primi soccorritori che hanno chiesto l’intervento dell’elisoccorso per trasportarlo all’ospedale di Alessandria dove ha fatto ingresso in prognosi riservata.

Ad aiutare i carabinieri nelle loro indagini, le preziose immagini di videosorveglianza, prontamente fornite dalla Polizia Locale che le ha estrapolate dal database della sua centrale operativa (nella foto di copertina). Come noto, la città di Canelli ha uno dei sistemi di telecamere cittadine più efficienti dell’Astigiano.

Nella zona centrale in cui è avvenuta l’aggressione, tutto il violento episodio è stato perfettamente ripreso nei filmati consegnati agli inquirenti. Grazie anche ad essi, sono riusciti a risalire in poche ore al responsabile che ha provocato le gravissime lesioni al 18enne.

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link

Scopri inoltre:

Edizione digitale