Troppi incidenti, in corso Veneziaarriva il nuovo limite di 30km/h
Cronaca

Troppi incidenti, in corso Venezia
arriva il nuovo limite di 30km/h

Dopo alcuni incidenti, anche mortali, avvenuti tra il cavalcavia Giolitti e il primo tratto di corso Venezia, il sindaco Brignolo ha deciso di intervenire per rendere più sicura la strada

Dopo alcuni incidenti, anche mortali, avvenuti tra il cavalcavia Giolitti e il primo tratto di corso Venezia, il sindaco Brignolo ha deciso di intervenire per rendere più sicura la strada all’attraversamento dei pedoni. Con un’ordinanza, firmata qualche giorno fa dopo aver consultato la polizia municipale, il sindaco ha istituito il limite di velocità di 30 km/h tra la rotatoria all’incrocio tra corso Venezia e corso Savona e fino al cavalcavia Giolitti. Presto il servizio Infrastrutture del Comune collocherà apposita segnaletica per informare gli automobilisti del nuovo limite di velocità mentre è escluso che sul corso possano essere installati dossi o altri dissuasori volti a rallentare il transito dei mezzi.

Anche nella zona di piazza d’Armi vengono introdotte modifiche alla viabilità. In particolare, in via Lamarmora sono state decise le seguenti variazioni: nel tratto compreso tra corso Palestro e via Fara viene istituito il senso unico in direzione di via Fara; nel tratto tra via Fara e via Allende viene invece istituito il senso unico in direzione di via Allende. Contestualmente viene anche posizionato un nuovo stop per i veicoli che da via Lamarmora si immettono in via Allende. In via Olaf Palme viene invece istituito il senso unico di circolazione nel tratto compreso tra corso Palestro e via Kennedy in direzione di corso Palestro. Infine, sempre sulla stessa area, i veicoli che transitano in via Olaf Palme troveranno un nuovo stop per dare precedenza ai mezzi provenienti da corso Palestro. Anche in questo caso sarà collocata apposita cartellonistica per informare gli automobilisti.

r.s.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo