La Nuova Provincia > Cronaca > Costigliole d’Asti, ladro ruba in casa di un’anziana con la complicità del nipote
Cronaca Costigliole - San Damiano -

Costigliole d’Asti, ladro ruba in casa di un’anziana con la complicità del nipote

Due ragazzi denunciati per furto e ricettazione dai carabinieri della stazione di Costigliole. Uno dei due aveva compiuto 18 anni il giorno prima

Due denunciati dai Carabinieri

Una brutta storia che mina l’idea che abbiamo del rapporto speciale fra nonni e nipoti.

Arriva da Costigliole dove un ragazzino, ancora minorenne, è stato denunciato per concorso nel furto a casa dell’anziana nonna.

Uno dei due aveva compiuto 18 anni il giorno prima

Tutto è cominciato quando, il giorno dopo la festa dei 18 anni di un ragazzo, E. O., astigiano, già noto alle forze dell’ordine per precedenti per furto in abitazione, lesioni e ricettazione, è stato notato da una pattuglia di carabinieri della stazione di Costigliole mentre si trovava in una piccola via intorno alla piazza principale del paese. Visti i suoi precedenti e visto che non aveva alcun motivo apparente per trovarsi in quella parte del paese, i militari lo hanno avvicinato e lo hanno perquisito trovandogli addosso alcuni gioielli da donna in oro e un orologio del valore stimato di circa mille euro. Alle domande dei carabinieri il ragazzo non è stato in grado di rispondere e così non ha dato alcuna giustificazione plausibile per il possesso di quel piccolo tesoretto.

Incastrati dai messaggi sul cellulare

A quel punto gli è stato sequestro il cellulare e, incrociando i dati con le denunce ricevute in caserma, hanno scoperto che erano gli stessi gioielli rubati ad una donna di 70 anni di Costigliole. Furto avvenuto poche ore prima della perquisizione al neodiciottenne.

Il nipote lo aveva fatto entrare a casa della nonna

Ma è su chi lo ha aiutato a compiere il furto che è emersa la sorpresa più amara. Gli approfondimenti investigativi sui messaggi presenti sul telefono del diciottenne, infatti, hanno consentito di individuare in Z. M., 17 anni, incensurato, il complice che ha consentito a E. O di entrare indisturbato in casa dell’anziana donna. Z. M., infatti, è il nipote della donna e, sentiti dai carabinieri, hanno motivato il gesto come necessità di “tirare su due soldi”.

I gioielli sono stati restituiti

Il nipote è stato denunciato alla procura della Repubblica dei minori di Torino mentre il complice, avendo compiuto i 18 anni, seppure da poche ore, è stato denunciato alla Procura di Asti.

Orologio e gioielli sono stati restituiti alla sua proprietaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente