I due fidanzati tornati al Giglioper ringraziare chi prestò loro assistenza
Cronaca

I due fidanzati tornati al Giglio
per ringraziare chi prestò loro assistenza

Alberto Casetta ed Elena Gramaglia sono tornati sabato sera dal Giglio. Una breve visita fuori dalle cerimonie ufficiali, fatta soprattutto per ringraziare ancora una volta chi, nella notte del

Alberto Casetta ed Elena Gramaglia sono tornati sabato sera dal Giglio. Una breve visita fuori dalle cerimonie ufficiali, fatta soprattutto per ringraziare ancora una volta chi, nella notte del naufragio, un anno fa, aprì le porte del proprio agriturismo nel cuore della notte e come molti altri abitanti dell’isola si prodigò per prestare assistenza ai naufraghi. I due fidanzati, lui 24 anni, figlio dei titolari dell’Agriturismo Le Verne di Valfenera e lei, 21 anni, figlia dei proprietari del Ristorante Pizzeria Lo Scoiattolo di Monteu Roero, ricordano benissimo quanto successe quella notte, ma preferiscono ormai considerarlo un episodio chiuso, mentre ricordano volentieri e con riconoscenza sia l’impegno dei soccorritori che quello della popolazione del Giglio.

«Siamo stati fortunati a non esserci fatti niente – ricorda Alberto – per il resto si guarda avanti. Il ricordo delle vittime chiaramente rende molto più triste quel luogo e la presenza del relitto, un anno dopo,  non concede sconti alla memoria.  A mio avviso Schettino ha commesso gli errori più grossi, essendo il comandante e per di più con una certa esperienza alle spalle; per quanto riguarda la Costa, invece, noi non abbiamo nulla da lamentare  sul loro comportamento. Quasi tutti i nostri effetti personali sono stati recuperati, una settimana dopo l’incidente ci era già stato rimborsato il biglietto del viaggio e un mese dopo, dal momento che non abbiamo avanzato cause nei confronti della Compagnia, avevamo anche già incassato il risarcimento propostoci: onestamente non potevamo pretendere di più».

Franco Cravero

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo