40 Foto 1
Cronaca
Squadra Mobile

Il rom che ha derubato e violentato l’anziana di 91 anni: “Non so perchè l’ho fatto” mentre la sua famiglia: “Ha sbagliato, deve pagare”

Stamattina si è tenuto l’interrogatorio di garanzia al carcere torinese ex Vallette

Si è tenuto questa mattina al carcere della Vallette di Torino l’interrogatorio di garanzia a carico di Euro Seferovic, il rom di 19 anni arrestato lunedì dalla Squadra Mobile di Asti con l’accusa di aver rapinato e violentato una donna di 91 anni alla periferia di Asti.

Difeso dall’avvocato Gianluca Bona, ha risposto alle domande che gli sono state poste dal pm Fiz davanti al gip Morando e ha ammesso ciò che gli è stato contestato, di fatto confermando la ricostruzione dell’indagine lampo condotta dagli uomini della sezione furti e rapine della Mobile.

Ha ammesso di essere andato lì a rubare l’anziana e di aver approfittato di lei ma quando gli è stato chiesto perchè, si è preso la testa fra le mani e ha detto di non saper rispondere: «Non lo so perchè ho fatto questa cosa, proprio non lo so».

Intanto la famiglia del giovane ha affidato all’avvocato Bona un messaggio: «I genitori e i fratelli di Euro sono profondamente provati da quanto è accaduto – dice il difensore – Non avrebbero mai immaginato che il giovane potesse compiere un gesto simile e neppure loro se lo sanno spiegare. Prima increduli, quando lui ha confessato anche la violenza hanno solo detto che è giusto che lui paghi per quel che ha fatto».

Attualmente detenuto nel reparto di “sex offender” del carcere torinese, Seferovic attende la chiusura delle indagini e il passaggio al processo.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo