La Nuova Provincia > Cronaca > Muore in uno scontro frontale la “storica” maestra di Camerano Casasco
Cronaca-

Muore in uno scontro frontale la “storica” maestra di Camerano Casasco

L'incidente nella serata di oggi. Stava tornando da un funerale insieme alla sorella. Lo scontro dovuto ad un sorpasso. Ferita anche la giovane conducente dell'altra auto

Sul rettilineo di Serravalle

Incidente mortale nella serata di oggi, martedì, alle porte di Asti, sul rettilineo in uscita dalla frazione Serravalle. La Punto condotta da una donna di 88 anni, Adriana Bersano, si è scontrata frontalmente con una piccola utilitaria condotta da una ragazza che stava facendo rientro a casa e viaggiava sulla corsia opposta.

Ferita la sorella

Adriana Bersano, purtroppo, è deceduta sul colpo e per estrarre il corpo dalle lamiere dell’auto è stato necessario l’intervento di una squadra dei Vigili del Fuoco di Asti. Con lei viaggiava anche la sorella, Marisa, rimasta ferita e portata al Pronto Soccorso di Asti insieme alla giovane conducente dell’altra auto coinvolta nell’incidente.

Ciò che resta della Punto sulla quale viaggiava la vittima

Avevano appena partecipato ad un funerale

Le due sorelle stavano tornando ad Asti dopo aver partecipato a Settime al funerale di don Balsamo, a lungo parroco di Camerano Casasco.

Un’istituzione in paese

E a Camerano Adriana Bersano era una vera e propria istituzione, avendo fatto scuola a generazioni di compaesani. La donna, nubile e senza figli, aveva votato la sua vita all’insegnamento. Il riconoscimento della salma è stato eseguito dal vice sindaco di Camerano, chiamato dai carabinieri per rintracciare i famigliari da avvertire del tragico incidente.

La Stradale al lavoro per i rilievi dell’incidente

La strada è stata chiusa a lungo per consentire alla Polizia Stradale di eseguire i rilievi dell’incidente mortale; in aiuto per gestire la viabilità anche due pattuglie di Polizia Municipale che hanno contribuito a smistare la lunga coda di mezzi dopo la riapertura della circolazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente