Quando Buoninconti cercavala “sostituta” di Elena
Cronaca

Quando Buoninconti cercava
la “sostituta” di Elena

Hanno destato grande clamore in questi giorni molte delle parole emerse dalle intercettazioni e pronuciate da Buoninconti nei mesi successivi alla sparizione della moglie. Tra queste, anche le

Hanno destato grande clamore in questi giorni molte delle parole emerse dalle intercettazioni e pronuciate da Buoninconti nei mesi successivi alla sparizione della moglie. Tra queste, anche le intercettazioni e testimonianze che fanno affiorare figure femminili, negli stessi giorni in cui si nutriva ancora un'esile speranza di un possibile ritorno a casa di Elena Ceste. Si legge nell'ordinanza di custodia che ha portato Buoninconti in prigione: «Che Michele Buoninconti non fosse affettivamente legato alla moglie e non sia rimasto particolarmente colpito dalla sua scomparsa lo si desume dalla facilità e sfrontatezza con la quale solo pochi mesi dopo il 24 gennaio 2014, si è comportato avvicinando una donna conosciuta per ragioni di servizio».
Ad aprile Buoninconti avrebbe cercato la donna ed avviato uno scambio di sms con lei, interrotto poco dopo dalla signora stessa. Sms e telefonate anche con una donna residente in Calabria: «Dico al mio cuore di stare tranquillo perchè l'amore della tua vita potrebbe tornare -? scrive la donna -? Magari in futuro tu a quest'ora starai lavorando e io sono a casa a preparare la cena al mio amore e ai bambini!! Magari ne arriverà anche un quinto». «Teresa mi fai commuovere. Sei una persona eccezionale. Eccezionale dovrà essere la persona che sostituirà Elena».

m.m.t.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo