Soria in rianimazione: sta malissimo
Cronaca

Soria in rianimazione: sta malissimo

Ricoverato inizialmente al repartino del carcere delle Vallette riservato ai detenuti malati, mercoledì mattina è stato trasportato d’urgenza all’ospedale Don Bosco dove è stato portato in rianimazione per una grave crisi respiratoria

Si attende a presto l’ordine di annullamento dell’esecuzione in carcere della sentenza a carico di Giuliano Soria, ex patron del premio Grinzane Cavour, condannato in via definitiva a 6 anni e 8 mesi.

Soria è stato arrestato una settimana fa nel suo appartamento di via Montebello a Torino dal quale era già uscito in ambulanza perché è affetto da una grave infezione ad una gamba che gli impedisce di muoversi.

Ricoverato inizialmente al repartino del carcere delle Vallette riservato ai detenuti malati, mercoledì mattina è stato trasportato d’urgenza all’ospedale Don Bosco dove è stato portato in rianimazione per una grave crisi respiratoria.

«Soria è davvero in condizioni molto gravi – ha commentato l’avvocato Mirate che nella stessa giornata di mercoledì è passato a trovarlo in ospedale – sicuramente incompatibili con il regime di carcerazione. Attendiamo la sospensione dell’ordine di esecuzione così, quando si riprenderà da questa grave crisi, potrà fare rientro a casa sua per scontare la pena ai domiciliari».

Daniela Peira

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo