Sospetto e paura per l’arrivo dei profughi
Cronaca

Sospetto e paura per l’arrivo dei profughi

A Castello d’Annone cresce la diffidenza tra i cittadini dopo l’apertura dell’ex base militare a oltre 120 richiedenti asilo

«Non sono razzista, però…». Se capitate in questi giorni dalle parti di Castello d’Annone e provate a fermare qualcuno del posto per sapere cosa ne pensa dei circa 120-150 richiedenti asilo ospitati dalla Croce Rossa nell’ex base dell’areonautica a pochi chilometri dal centro del paese buona parte di loro inizierà a rispondervi così.

Perché non è una questione di pelle o provenienza ma, ci fanno capire, «di prospettive». In paese non si sa che cosa la «Polveriera» diventerà esattamente, se un hub ossia un centro di smistamento a tutti gli effetti o un semplice campo di accoglienza.

C’è confusione sui numeri, da chi teme l’arrivo di migliaia di richiedenti a chi ipotizza solo qualche centinaia e nella confusione più totale in tanti si domandano quale destino possono avere questi ragazzi, quasi tutti africani, in un contesto economico che poco ha da offrire.

«Sono troppi e questo non è un problema solo di Castello d’Annone ma del nostro Paese in generale».

Continua la lettura sul giornale in edicola, o acquista la tua copia digitale

 Lucia Pignari

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale