La Nuova Provincia > Cronaca > Villafranca: “flash mob” il primo gennaio per sostenere la leva
Cronaca Villafranca - Villanova -

Villafranca: “flash mob” il primo gennaio per sostenere la leva

Tutti in piazza a ballare il brando dopo l'ordinanza di sospensione delle serate musicali a causa di una violenta rissa

Dopo l’ordinanza di sospensione delle serate musicali

L’attaccamento dei villafranchesi per la storica festa di leva dei neodiciottenni ha originato una “chiamata” di piazza per sostenere i ragazzi del 2002 dopo lo spiacevole “incidente” che ha portato il sindaco a firmare l’ordinanza di sospensione delle serate musicali per ragioni di sicurezza ed ordine pubblico.

Una sorta di flah mob è stato organizzato da numerosi villafranchesi per mercoledì, primo giorno dell’anno, per ribadire l’importanza della festa di leva nel paese che da anni la porta anche come tema al Festival delle Sagre.

L’appuntamento è dalle 9,30 alle 10 in piazza Santanera. Per cominciare si ballerà tutti insieme un grande “brando”, ballo di gruppo che caratterizza la festa di leva da decine di anni e poi si girerà tutto il paese in una colorata “festa sonora”, promettono gli organizzatori.

La rissa alla prima serata

Questo mentre proseguono le indagini dei carabinieri di Baldichieri e del Radiomobile di Villanova ed Asti per definire le responsabilità della violenta rissa che, alla prima serata musicale sotto il palatenda allestito nei pressi del campo sportivo, ha visto coinvolti 9 ragazzi tra cui anche un minore e una ragazza.

Secondo i primi accertamenti dei militari, la rissa si è scatenata intorno alle 2 di notte per motivi leati a questioni campanilistiche tra due gruppi: quello residente a Villafranca e quello dei residenti in altri comuni della provincia che avevano partecipato alla festa.

Nove ragazzi denunciati

Tante le testimonianze raccolte già sul posto cui sono seguiti numerosi riconoscimenti fotografici per identificare e denunciare i 9 giovani ritenuti i presunti responsabili della rissa, tutti residenti fra Asti, Villafranca, Baldichieri, Cantarana, Monale e Maretto. Solo uno di loro era della Leva 2002 e qualcuno è già gravato da qualche precedente di polizia.

“Mattonate” sul naso

Non risulta, allo stato attuale, che qualcuno di loro sia ricorso alle cure del Pronto Soccorso anche se la rissa è stata piuttosto violenta e alcuni testimoni parlano addirittura di “mattonate” sul naso.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente