La Nuova Provincia > Cronaca > Villanova d’Asti, il rombo delle moto per l’addio a “Zick”
Cronaca Villafranca - Villanova -

Villanova d’Asti, il rombo delle moto per l’addio a “Zick”

Oggi pomeriggio il funerale dell'operaio morto in incidente. Decine gli amici motociclisti che hanno scortato il feretro dall'obitorio alla chiesa

L’operaio morto sabato notte

Una vera e propria folla ha atteso oggi pomeriggio Marco “Zick” Saccoman per dargli l’ultimo saluto. L’uomo di 39 anni ha perso la vita sabato notte in un tragico incidente sulla statale per Riva Presso Chieri, mentre stava facendo ritorno a casa.

Marco Saccoman

La scorta delle moto alla partenza del feretro da Chieri

Scorta sulle due ruote

La salma di Marco è partita dall’obitorio del cimitero di Chieri scortata da una trentina di amici motociclisti. Hanno preceduto il carro funebre e, in prossimità del suo arrivo davanti alla chiesa di San Martino per la celebrazione del funerale, gli amici centauri hanno salutato con il rombo delle loro moto quel compagno di avventure sulle due ruote. Tante le lacrime sotto i caschi e ancora tanto sgomento negli sguardi di amici, colleghi di lavoro, famigliari.

Picchetto d’onore dei Vigili del Fuoco volontari

Ad attendere Marco c’era anche un picchetto d’onore: quello dei Vigili del Fuoco volontari di Villanova, del quale fa parte il fratello di Marco, Riccardo. Schierati in due ali hanno protetto i genitori e il fratello di Marco da una commozione crescente nel trovare così tante persone pronte a condividere il dolore.

Servizio d’ordine per far rispettare le distanze in chiesa

Imponente anche il servizio d’ordine imposto dalle norme anticontagio. Volontari dell’associazione carabinieri, della Croce Rossa e della parrocchia hanno regolamentato l’afflusso contingentato nella grande chiesa dando ovviamente precedenza alla famiglia, al sindaco del paese, ai coscritti della Leva 1980, agli amici motociclisti e poi, via via a tutti gli altri fino ad esaurimento dei posti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente