La Nuova Provincia > Cultura e spettacoli > Casabianca, un successo la serata dedicata a Fabrizio De André
Cultura e spettacoli Asti -

Casabianca, un successo la serata dedicata a Fabrizio De André

Protagoniste le canzoni del cantautore eseguite dalla Piccola Orchestra Sand Creek

A Casabianca l’omaggio a Fabrizio De André

Sabato scorso, nell’ambito del Settembre casabianchese, la Pro loco della frazione ha organizzato un momento di musica e ricordi di Fabrizio De André, cantautore che ha trascorso l’infanzia nell’Astigiano.
“E’ cresciuto in una delle nostre cascine – sottolineano gli organizzatori della serata – ha frequentato i coetanei nei campi e nelle stalle, che erano i ritrovi nelle lunghe serate invernali. Abbiamo quindi voluto ricordarlo e riascoltare le sue canzoni che, per molti di noi, sono state la colonna sonora di tanti anni. Ad offrirci questa opportunità la Piccola Orchestra Sand Creek : un gruppo astigiano-torinese molto affiatato e professionale. Con la regia di Paolo Cerrato, abbiamo rivissuto le prime esperienze e l’evoluzione concettuale e tematica, oltre che la maturazione intellettuale, di De André cantautore: uomo attento al sociale e capace di interpretare il contesto circostante in modo attento, penetrante e partecipe”.
Eccellente il cantante, Lucki Riccio, con la sua voce piena e capace delle sfumature appassionate e forti dell’originale De Andrè. Gradita la partecipazione straordinaria di Giulia Rossi, che ha interpretato con tenerezza due canzoni. Molto bravi gli strumentisti, Veronica Corapi (flauto), Luisa Avidano (violino), Aristide Cassullo (chitarre), Elio Calosso (basso), Beppe Tantaro (tastiere); Marina Barbier (piano); Antonio Scaramozzino (batteria); Roberto Musso (percussione).

Gli obiettivi della Pro loco

“E’ stata una occasione per ricordare il nostro De André – concludono – e per ritrovarci in occasione di uno spettacolo di buon livello. Riteniamo, infatti, che la Pro loco debba essere luogo di incontro per conoscersi, apprezzare le ricchezze umane e le molteplici risorse racchiuse negli abitanti delle frazioni. E anche per generare occasioni di stare insieme in allegria, con il piacere di gustare proposte artistiche di questo livello”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente