La Nuova Provincia > Cultura e spettacoli > Costigliole d’Asti, il suo castello biglietto da visita per il territorio e il turismo
Cultura e spettacoli Costigliole - San Damiano -

Costigliole d’Asti, il suo castello biglietto da visita per il territorio e il turismo

Presentati alla presenza dell'assessore alla Cultura della Regione Piemonte Vittoria Poggio il nuovo logo e l’identità visiva del castello nell'ambito del progetto "Il racconto e la cultura del territorio"

“Il racconto e la cultura del territorio”

“Il Castello di Costigliole, il racconto e la cultura del territorio”. È stato presentato nel pomeriggio di sabato negli spazi del maniero costigliolese il progetto, sostenuto dalla Fondazione Compagnia di San Paolo (maggior sostenitore) attraverso il bando “I luoghi della cultura”, che sta giungendo alle sue fasi finali. A fare gli onori di casa il sindaco di Costigliole Enrico Cavallero, con al fianco i componenti dell’amministrazione comunale e alla presenza dell’onorevole Andrea Giaccone, il vicepresidente della Regione Piemonte Fabio Carosso, l’Assessore alla Cultura della Regione Vittoria Poggio, il presidente della Provincia di Asti Paolo Lanfranco, il presidente del Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato Filippo Mobrici, il presidente dell’Unione collinare “Tra Langa e Monferrato” Carlo Mancuso, il Questore di Asti Alessandra Faranda Cordella, autorità civili e militari, rappresentanti di associazioni, albergatori e ristoratori costigliolesi. Promosso dal Comune e realizzato in partnership con il Teatro degli Acerbi e l’Associazione CRAFT, che hanno coadiuvato la progettazione ed il coordinamento, in particolare con Massimo Barbero e Aldo Buzio, il progetto, sviluppato dall’Architetto Marco Maccagno, trova una considerevole espansione nei più ampi lavori di riqualificazione e restauro degli spazi ancora non fruibili del castello.

Al via i nuovi restauri

«Sono previsti il recupero completo del piano nobile, che accoglierà eventi culturali, il piano mezzanino, dove saranno realizzati spazi di servizio, il secondo piano, con la realizzazione di un grande salone per conferenze, un secondo ambiente per riunioni, una sala degustazione ed una cucina, nonché una prima impostazione per la realizzazione del Museo della Barbera. Al terzo piano, infine, si completeranno alcuni locali da adibire a foresteria – è stato spiegato – Le opere sono state finanziate tramite il Bando POR FESR 2014-2020, Misura “Valorizzazione dei siti inseriti nella lista del patrimonio mondiale UNESCO”, dal Comune di Costigliole e dal Consorzio Barbera. La durata prevista per la realizzazione delle opere di recupero è di 12 mesi. I lavori sono stati appaltati e l’inizio dei lavori è pertanto imminente». Il risultato sarà un “biglietto da visita” unico e irripetibile per il territorio e per il turismo culturale. «La nostra storia secolare ci aiuta a proiettarci nel futuro nonostante le difficoltà del presente – ha detto il sindaco Cavallero – Ripartiamo quindi dai nostri punti forti: la nostra storia e la cultura dello stare insieme e del condividere bellezza. Per questo motivo stiamo lavorando per valorizzare il nostro castello e renderlo fruibile in maniera ampliata alla collettività, come luogo di emozione e di cultura, porta d’accoglienza per visitatori e cittadini». «Il turismo in Piemonte rappresenta un settore importante. In questi anni abbiamo rilevato la criticità di non riuscire a fare sistema. Ora stiamo appurando che si possono ottenere grandi risultati mettendo insieme realtà territoriali affini», ha commentato l’assessore regionale Poggio.

Un nuovo logo per il castello

Il progetto “Il Racconto e la cultura del territorio” vuole mettere a sistema le realtà e attività incentrate nel castello e la sua valorizzazione verte su tre obiettivi principali: l’organizzazione della gestione attraverso strategie efficienti, l’animazione degli spazi che verranno restaurati tra arte e eccellenze del territorio sul tema dello storytelling territoriale, la creazione di un’attività turistica che porti innovazione ed economia all’interno della struttura. «Non abbiamo nulla da invidiare alle altre aree – ha detto Mobrici – Colgo l’occasione per invitare la Regione a istituire un premio per i viticoltori, che con il loro lavoro rendono possibile lo sviluppo di tutto questo». Sabato sono stati in particolare presentati il nuovo logo e l’identità visiva del castello realizzati dallo studio torinese Visualgrafika, approfondendo varie fonti di ricerche storiche sul maniero, sul paese e territori circostanti.

Cinema, teatro e mostre

L’assessore alla cultura del Comune Laura Bianco annuncia inoltre il ricco programma di eventi dell’estate, con spettacoli teatrali e proiezioni cinematografiche nel parco e importanti mostre nelle sale del castello: «Tutto ciò per avvicinarci all’autunno che da sempre è la stagione principe del nostro territorio con prodotti che ci contraddistinguono nel mondo: la barbera e il tartufo». «Nonostante le difficoltà, siamo pronti con Costigliole e i paesi dell’Unione collinare per un ricco programma di teatro tra luglio e agosto all’aperto, nel rispetto delle normative anticovid», ha sottolineato Massimo Barbero. Da “Fellini100” in occasione del centenario della nascita di Federico Fellini al recupero delle date rinviate della rassegna “Mezza stagione”, al festival “Paesaggi e oltre” nei paesi di Costigliole, Castagnole Lanze, Montegrosso e Coazzolo. «Costigliole è uno dei primi Comuni a mettere a punto un programma coordinato all’aperto con eventi culturali, spettacoli multidisciplinari e proiezioni cinematografiche nel Parco del Castello, con una capienza di ben 200 spettatori distanziati. E ulteriori appuntamenti saranno realizzati nelle borgate costigliolesi», spiega Massimo Barbero del Teatro degli Acerbi, a cui è affidata la direzione artistica e organizzativa e che attuerà con l’amministrazione comunale tutti i protocolli COVID-19 per il pubblico, gli artisti e le maestranze coinvolte garantendo luoghi sicuri e confortevoli. Dall’11 luglio al 30 agosto la mostra “Omaggio a Fellini: dal disegno al sogno”, direzione artistica di Cornelio Cerato, con la proiezione del film documentario “Ricordando Fellini” di Francesca Fabbri Fellini. Dal 12 luglio al 29 agosto il cinema all’aperto nel Parco del Castello: quattro proiezioni di film di Fellini in versione restaurata dal CSC Cineteca Nazionale. La direzione artistica è di Fabrizio Nastasi di IMAGO VFX. Dal 17 al 31 luglio, nel parco del castello, il recupero delle date rinviate della rassegna teatrale “Mezza stagione”, con due spettacoli serali ed uno pomeridiano per bambini e famiglie. Si prepara ad andare in scena anche il festival “Paesaggi e oltre” nei paesi di Costigliole, Castagnole Lanze, Coazzolo e Montegrosso, proposto da diciotto anni in punti suggestivi del territorio e borghi storici.

(Foto Billi, Teatro degli Acerbi, Comune di Costigliole)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente