Astimusica 2022
Cultura e Spettacoli
Evento

Da Ermal Meta a Gianluca Grignani, svelati i primi artisti di Astimusica 2022

Confermato il festival di piazza Cattedrale, che tornerà dopo due anni di pausa dal 7 al 17 luglio. Cotto: “Sarà la mia ultima edizione da direttore artistico”

Ermal Meta, Gianluca Grignani, Andrea Pucci, Cristiano Godano dei Marlene Kuntz e i Bnkr44. Sono i primi nomi degli artisti che saranno protagonisti della 25esima edizione di Astimusica.
Dopo due anni di pausa a causa dell’emergenza sanitaria, il festival tornerà infatti a svolgersi, sempre in piazza Cattedrale, da giovedì 7 a domenica 17 luglio.
E’ emerso stamattina, in occasione della conferenza stampa di presentazione svoltasi in Municipio.
Presenti il sindaco Maurizio Rasero, il direttore artistico Massimo Cotto, gli assessori Gianfranco Imerito (Cultura) e Loretta Bologna (Manifestazioni) insieme a tutti coloro che collaborano all’organizzazione del festival.

Il commento dell’Amministrazione comunale

«Nonostante il rialzo dei contagi da Covid-19 – ha subito precisato il sindaco Rasero – grazie ai vaccini la situazione è nettamente migliore al 2020 e al 2021. Era quindi impensabile rimanere ancora fermi, per cui abbiamo deciso di tornare ad offrire eventi e occasioni di socializzazione, dalle feste patronali al Palio. Non poteva mancare Astimusica, uno degli eventi più importanti della città».
Soddisfatto l’assessore Imerito. «L’organizzazione generale continua ad essere in mano al Comune che, credendo nel festival, ha investito anche delle risorse. Fortunatamente, comunque, possiamo contare sull’apporto degli sponsor: Fondazione CrAsti, Banca di Asti, Asp e Iren».
A sottolineare le collaborazioni con altre realtà del territorio l’assessore Bologna. «Innanzitutto – ha ricordato – prosegue la sinergia con Monferrato On Stage, nata con “La notte delle chitarre” e proseguita nel 2019 con la serata Unesco in piazza Cattedrale (cui aveva partecipato Mogol, ndr). Quindi con Piemonteuno di Lorenzo Abate e, da quest’anno, con le associazioni Futura e Abbracciamoci».

Le parole di Massimo Cotto

A festeggiare le “nozze d’argento” con il festival il direttore artistico Massimo Cotto. «Astimusica mi ha dato tanto in questi anni – ha sottolineato – per cui ritengo che questa edizione, la numero 25, debba rappresentare la chiusura di un ciclo e l’apertura di quello successivo. Per questo sarà la mia ultima edizione come direttore artistico, anche se in futuro, magari, potrebbero nascere altri progetti. Comunque, proprio perché sarà l’ultima, voglio che sia bellissima».
Ha quindi precisato che il budget assegnato al festival «non sarà minimamente paragonabile a quelli degli anni precedenti», per poi ringraziare i partner che hanno deciso di contribuire all’evento. «Inizialmente – ha aggiunto – avevo pensato ad un’edizione “da spina staccata”, solo con concerti acustici e serate di parole e musica. Ma c’era il rischio che venisse interpretata come un’edizione di livello inferiore, per cui l’idea è stata scartata».

Le date confermate

Sono quindi stati svelati i nomi degli artisti che si esibiranno, anche se molte date non sono note perché i contratti non sono ancora stati chiusi. Si comincerà giovedì 7 luglio con Gianluca Grignani, protagonista di una serata organizzata insieme a Monferrato On Stage. «Credo che Grignani – ha spiegato Cotto – abbia dato tanto alla musica e che sia stato ingiustamente accusato per la sua esibizione all’ultimo festival di Sanremo».
Tre le altre date confermate, domenica 10 luglio spazio ai cori degli oratori della diocesi con Asti God’s Talent, di cui sarà nuovamente presidente di giuria Paolo Conte, mentre il giorno successivo, lunedì 11 luglio, salirà sul palco il comico Andrea Pucci con la sua orchestra, per una serata tra risate e musica. Martedì 12 luglio protagonisti i Bnkr44, per la gioia dei giovanissimi, mentre sabato 16 luglio salirà sul palco Ermal Meta, che tornerà in piazza Cattedrale dove era già stato nel 2016. Chiuderà il festival una serata con tre band astigiane, da un’idea dell’assessore Imerito per «contribuire al ritorno sulle scene degli artisti locali dopo due anni di “singhiozzi” a causa del Covid».
Non ha ancora una data, ma è stata confermata la presenza anche di Cristiano Godano, cantautore, chitarrista e voce del gruppo rock Marlene Kuntz.
«Con tutto il rispetto per gli artisti che saliranno sul palco – ha concluso Cotto – la cosa più bella è che Astimusica torni a vivere. E’ un festival che dura da 25 anni, nonostante alcuni momenti di difficoltà, grazie al fatto che l’Amministrazione comunale ci ha sempre creduto, indipendentemente dal colore politico. E ricordo che non esiste un grande artista italiano che non vi abbia partecipato».

I partner organizzativi

Soddisfatti anche i partner dell’organizzazione: Alessandro Gai, in rappresentanza delle associazioni Futura e Abbracciamoci, e Cristiano Massaia (Monferrato On Stage). «La nostra realtà – ha spiegato Massaia – è cresciuta in questi anni, tanto che è passata da 5 a 20 membri. La collaborazione con il Comune di Asti, che si concretizzerà in due serate, è un esempio di sinergia tra cla città capoluogo e il territorio che in questi anni è mancata».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo