Un week end in cantinaper tutti i curiosi del vino
Cultura e Spettacoli

Un week end in cantina
per tutti i curiosi del vino

Oltre mille cantine nell'Italia dei grappoli, oltre quaranta se ne contano nel solo Piemonte di cui una dozzina tra le colline dell'Astigiano. Si rinnova puntuale ormai da oltre vent'anni

Oltre mille cantine nell'Italia dei grappoli, oltre quaranta se ne contano nel solo Piemonte di cui una dozzina tra le colline dell'Astigiano. Si rinnova puntuale ormai da oltre vent'anni ogni ultimo fine settimana di maggio "Cantine aperte", la grande festa organizzata dal Movimento turismo del vino. Ma più di una semplice manifestazione visto che in questi anni l'appuntamento è diventato una sorta di filosofia, un viaggio alla scoperta dei vini e dei territori in cui questi nascono. Dunque non solo enoappassionati ma sempre più turisti così come semplici curiosi si affacciano alla scoperta del mondo che sta dietro ad un calice di vino.

Desiderosi di vivere e condividere un'esperienza legata alle cantine ed ai segreti della vinificazione così come dell'affinamento. Infatti oltre alla degustazione si offre loro l'opportunità anche di andare tra i filari e poter apprendere particolari legati alla lavorazione della vite, sotto la guida degli stessi imprenditori ed enologi. Per conoscere tutte quante le proposte e scegliere le possibili mete nella provincia di Asti è necessario collegarsi al sito www.mtvpiemonte.it che è l'organizzatore ufficiale di "Cantine aperte". Qui vengono riportati, ed aggiornati, programmi ed orari di tutte le aziende aderenti. Da non dimenticare che durante la due giorni propone anche il contest fotografico su Instagram (#bevicosavedi) che mette al centro i paesaggi italiani. Il challenge, in collaborazione con Istagramers Italia, si concluderà il 22 luglio e premierà le cinque migliori foto in occasioni di Calici di stelle altro appuntamento storico in programma la notte di San Lorenzo a metà agosto.

Fra Ulisse e il parco, Vinchio Vaglio fa festa per due giorni
Ventidue candeline, anzi calici alla Festa del vino tante sono le edizioni dell'appuntamento diventato ormai tradizione che si rinnoverà nel week end alla viticoltori associati Vinchio Vaglio Serra. Una due giorni intensi aperti da "Ulisse sulle colline" promosso con l'associazione Davide Lajolo che da sempre si accompagna all'evento con passeggiata nella riserva naturale della Valsarmassa che alle 15 prevede il ritrovo alla cantina per proseguire fino alla vigna di Romano dove, alle 16, ci sarà la prima "conta" e l'incontro con Lorenzo Giordano presidente della cantina e prima degustazione.

Alle 17 la seconda "conta" al Bricco Monte del mare dove, a cento anni dall'inizio della Prima guerra mondiale ed a settanta dalla Liberazione, letture e musiche prima della consegna da parte di Laurana Lajolo del premio "Il ramarro" ai fotografi Mark Cooper e Giulio Morra, i cui scatti sono protagonisti anche della mostra che ha quale tema proprio il paesaggio collinare patrimonio dell'umanità. Alle 18,30 la terza "conta" a La Ru secolare quercia ai piedi della quale Valentina Archimede leggerà racconti di Davide Lajolo prima del ritorno in cantina. Qui le Pro loco di Vinchio e Noche serviranno, dalle 19, un menu self service con piatti della tradizione abbinati a bicchieri di vino.

La serata proseguirà in musica con l'orchestra "Monica Riboli". Domenica la festa proseguirà a partire dalle 10 con le visite guidate in cantina che proseguiranno fino alle 18 con degustazioni delle migliori selezioni accompagnate da stuzzichini. Sempre alle 10 il via alla passeggiata di nordic walking tra i sentieri del parco con gli istruttori Nordic Walking Incisa e punto ristoro durante il percorso, con un tracciato predisposto anche per gli amanti della mountain-bike. Alle 11 apertura dei banchi di assaggio con tutte le etichette Vinchio Vaglio Serra. Per pranzo si tornerà a tavola con i piatti delle Pro loco di Vinchio e Noche scegliendo tra antipasti misti, primi e secondi e dolci il tutto abbinato a Cortese e Piemonte Barbera. Inoltre a cura dell'associazione InCompagnia la giornata verrà allietata da animazione musicale con karaoke e piano bar, balli di gruppo e baby dance oltre ai bambini coinvolgi in giochi di gruppo.

Galà in cantina nelle terre Unesco
Quattro grandi nomi dell'enologia che hanno sede nella Valle Belbo aprono le porte a pubblico ed artisti. Infatti sabato sarà "Galà in cantina" con le cattedrali sotterranee che saranno anche palcoscenico nell'ambito del progetto promosso dall'Ufficio Politiche giovanili della Provincia, la cooperativa Orso, associazione per il Patrimonio dei paesaggi vitivinicoli di Langhe Roero e Monferrato e all'associazione Laboratori digitali Spleen nell'ambito di "Langhe Roero e Monferrato: un patrimonio per nulla virtuale".
Un poker di cantine per altrettanti momenti di spettacolo, tutti ad ingresso libero, oltre alle degustazioni. Così alle cantine Gancia di corso Libertà, dalle 17 alle 18, esibizione degli allievi della "Casa della musica" di Portacomaro con i gruppi Yamaha OrchestranDo e Ensemble dei legni.

Dalle 18,30 spazio anche alla danza con un saggio degli allievi della scuola Arte Danza Asti. Spostandosi alle cantine Contratto di via G.B. Giuliani, dalle 19 alle 20 e dalle 22 alle 23, concerto della I.s.o. Big Band con suoni jazz e funky. Alle cantine Bosca nella stessa via direttamente dalla trasmissione "La prova del cuoco" (RaiUno) show cooking dello chef Diego Bongiovanni, presentato alle 18 e alle 21. Infine alle cantine Coppo di via Alba il tenore castellalferese Enrico Iviglia eseguirà le più celebri romanze del Belcanto italiano accompagnato al pianoforte da Andrea Campora, con una doppia esecuzione alle 20 ed alle 21,30.

Show cooking e camminata lunga …Tre Secoli
Sulla collina di Mombaruzzo attorno ai vini della cantina Tre Secoli sarà una domenica da trascorrere tra natura, visite, degustazioni ma anche sport e musica. Ricco il programma messo a punto dalle 11 alle 18, per una realtà importante come la cantina Tre Secoli, nata dalla fusione fra due cooperative vitivinicole già da prima molto importanti nel panorama regionale ovvero la Cantina sociale di Mombaruzzo, sorta nel 1887 come prima realtà associativa del Piemonte, e la Cantina sociale di Ricaldone, con 60 anni di storia alle spalle. Storia e tradizione che si fonde in bottiglia nei vini che verranno proposti in degustazione, abbinati a piatti e prodotti tipici.

Farinata per l'aperitivo e poi salumi e formaggi monferrini ma anche grigliata di carne, risotto al Nizza e frittelle di baccalà, queste ultime servite dalle 12 alle 15 con show cooking di Beppe Sardi del ristorante "Il Grappolo", ed ancora golosità e prima del rientro l'apericena (prezzi da 3 a 10 euro). Il tutto rigorosamente abbinato a calici di vini delle due cantine A far da cornice le visite alle storiche cantine ed ai moderni impianti sotto la guida degli enologi. Prevista anche una passeggiata tra vigneti e cascine con una camminata di circa 7 mila metri con partenza da Ricaldone alle 10. Infatti grazie al servizio navetta sarà possibile spostarsi tra le cantine di Ricaldone e Mombaruzzo. Non mancherà uno spazio dedicato alla pallapugno, sport della tradizione, ed un momento musicale con esibizioni dal vivo e dj set.

Maurizio Sala

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo