Unesco: Langhe, Roero e Monferratosono Patrimonio dell'Umanità
Cultura e Spettacoli

Unesco: Langhe, Roero e Monferrato
sono Patrimonio dell'Umanità

Dal Qatar è arrivato il via libera dell'UNESCO per il riconoscimento ufficiale. I paesaggi vitivinicoli del Piemonte sono stati riconosciuti di eccezionale importanza e valore e quindi meritano di essere preservati a vantaggio del mondo intero. Si apre una nuova prospettiva turistica ed economica

Dunque è ufficiale. Da oggi i paesaggi vitivinicoli di Langhe, Roero e Monferrato sono patrimonio UNESCO. La notizia arriva direttamente dal Qatar, piccolo emirato della penisola arabica, in cui in queste ore nel centro congressi di Doha si sta tenendo la commissione deputata a vagliare le diverse candidature per la loro iscrizione nella lista dei siti “Patrimonio dell’Umanità”. A ricevere la bella notizia la delegazione italiana composta dai componenti dell’Associazione promotrice della candidatura: l’ex assessore provinciale con delega all’Unesco Annalisa Conti per la provincia di Asti, il presidente dell’associazione Gianfranco Comaschi in rappresentanza della Provincia di Alessandria, il direttore Roberto Cerrato per la Provincia di Cuneo, i funzionari Marina Bonaudo e Livio Dezzani della Regione Piemonte e il dirigente della Provincia di Asti Massimo Caniggia.

«E’ un traguardo importante, il coronamento di un lungo lavoro che coinvolge tre province e 29 comuni delle core zone e di altri 100 delle buffer zone e che premia il territorio, le sue tradizioni e la sua gente» è il commento a caldo e un po’ emozionato di Annalisa Conti, canellese, colei che ha visto nascere dall’inizio il progetto della candidatura Unesco per le nostre colline. Un’idea nata per l’appunto nel 2002 a Canelli, con l’allora sindaco Oscar Bielli, e che inizialmente comprendeva le sole Cattedrali Sotterranee di casa Contratto, Gancia, Coppo e Bosca per poi inglobare il territorio collinare coltivato a vite circostante. Dopo una prima bocciatura del dossier piemontese avvenuta nel giugno 2012 a San Pietroburgo, il comitato promotore aveva presentato una seconda candidatura, rivista, in cui si circoscriveva ulteriormente l’area interessata. Ottenuto il parere favorevole di ICOMOS (l’ong incaricata di valutare sotto un profilo tecnico le candidature dei siti) nel maggio scorso, si attendeva con ansia il responso della commissione riunita in Qatar affinché sancisse il riconoscimento.

Il sito piemontese, 50° nella lista dei patrimoni Unesco, è stato candidato come “paesaggio culturale”, ovvero come il risultato dell’azione combinata dell’uomo e della natura ed è di tipo seriale , cioè costituito da sei aree disposte su una superficie di ben 10.789 ettari, distribuiti tra le province di Asti, Alessandria e Cuneo. Ad essere riconosciuta è l’eccezionalità della cultura del vino e non a caso i luoghi sottoposti a tutela sono: la Langa del Barolo, il Castello di Grinzane Cavour, le Colline del Barbaresco, Nizza Monferrato e il Barbera, Canelli e l’Asti Spumante, il Monferrato degli Infernot. Ottenuto il prestigioso bollino e accanto all’orgoglio per un riconoscimento tanto prestigioso, la speranza degli amministratori locali è ora quella che ciò sia da volano per lo sviluppo del settore turistico. Dati e statistiche in merito sembrano prometterlo ma servirà una maggiore cooperazione tra settore pubblico e privato per fare in modo che il territorio sia all’altezza nell’accoglienza dei numeri che un turismo Unesco comporta e che gravitano intorno ad alcuni milioni di persone l’anno.

Lucia Pignari

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo