Cerca
Close this search box.
<img src="https://lanuovaprovincia.it/wp-content/uploads/elementor/thumbs/corsa-delle-botti-se-la-consuetudinebrdiventa-sport-avvincente-e-singolare-56e680609bfbb1-nkjnhy9dj9jr10nie01ggq4xlcl2nzp3k5sbwdjh54.jpg" title="Corsa delle Botti, se la consuetudine
diventa sport avvincente e singolare" alt="Corsa delle Botti, se la consuetudinediventa sport avvincente e singolare" loading="lazy" />
Cultura e Spettacoli

Corsa delle Botti, se la consuetudine
diventa sport avvincente e singolare

Le strade di Nizza, nel passato, erano un luogo molto pericoloso. Con tutti quei produttori di vino in giro, e altrettante, enormi botti dentro cui trasportarlo, non era difficile passeggiando per le

Le strade di Nizza, nel passato, erano un luogo molto pericoloso. Con tutti quei produttori di vino in giro, e altrettante, enormi botti dentro cui trasportarlo, non era difficile passeggiando per le vie del centro storico incontrare garzoni di bottega intenti a far rotolare gli imponenti recipienti: grandi, pesanti, prendevano velocità a seguito delle poderose spinte e per la loro dimensione, di tanto in tanto, rischiavano di prendere traiettorie del tutto inattese. Insomma, se volevi evitare di farti travolgere da una gigantesca botte piena di prelibato rosso nicese, dovevi fare ben attenzione a dove mettevi i piedi; l'abbiamo detto che Nizza, nel passato, era posto molto pericoloso!

Almeno finché a qualcuno non venne l'idea di trasformare la consuetudine, poi gioco, in uno sport vero e proprio, con regole e partecipanti. E così, da circa 30 anni, all'ombra del "Campanòn", si disputa una gara molto particolare: la celebre "Corsa delle Botti" di Nizza Monferrato. Disputata la prima volta nel 1978, sospesa da allora per solo due anni (in uno dei quali, il 2011, fu "recuperata" in autunno sotto forma di anteprima), è il momento di festa per eccellenza della capitale piemontese della Barbera, ovviamente abbinato a un altro importante momento, questo di tipo enogastronomico, il "Monferrato in tavola", più molteplici iniziative collaterali ad arricchire un fine settimana con i fiocchi.

Si comincia sabato, alle 17, in viale Partigiani, dove le botti saranno pesate e marchiate. Il regolamento parla chiaro: per concorrere, i recipienti devono avere una capacità di circa 700 litri e un peso di almeno 100 kg. Le botti ammesse saranno marchiate a fuoco. Gli spingitori, in 13 squadre, entrano in campo subito dopo, per le prove di qualificazione, che decideranno la posizione di partenza nelle semifinali e finali di domenica, a partire dalle 15,30.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link: https://whatsapp.com/channel/0029Va8jc2O0LKZAUYo2g63v

Scopri inoltre:

Edizione digitale