Si parli di morte, ma senza esagerareIn scena i vincitori di “Scintille 2015”
Cultura e Spettacoli

Si parli di morte, ma senza esagerare
In scena i vincitori di “Scintille 2015”

«Sulla soglia dell'Aldilà, dove le anime prendono definitivo congedo dai corpi, c'è la nostra morte. Ha un contratto a tempo indeterminato, molto lavoro da sbrigare e un capo molto

«Sulla soglia dell'Aldilà, dove le anime prendono definitivo congedo dai corpi, c'è la nostra morte. Ha un contratto a tempo indeterminato, molto lavoro da sbrigare e un capo molto esigente. I vivi la fuggono, la sfidano, la cercano, la gufano, la negano, la invocano e lei ne ha abbastanza di imprevisti, ritardi, tentativi maldestri, anime rispedite al mittente. Ha già spedito la sua lettera di licenziamento e attende notizie dai piani alti».

E' tragicomico il linguaggio con cui lo spettacolo vincitore del Premio Scintille 2015 ("Sulla morte, senza esagerare") parla della morte, tra maschere contemporanee di cartapesta e figure familiari che raccontano di incontri con la nera parca, di occasioni mancate e di addii. A portarlo in scena stasera (sabato ore 21) al Teatro Giraudi di Asti (piazza San Giuseppe 1) è il Teatro dei Gordi per la regia e l'ideazione di Riccardo Pippa. Sul palco gli attori Claudia Caldarano, Giovanni Longhin, Andrea Panigatti, Sandro Pivotti, Matteo Vitanza. Scene, maschere e costumi: Ilaria Ariemme. Disegno luci: Giuliano Bottacin. Organizzazione: Camilla Galloni.

"Sulla morte, senza esagerare" non ha solo trionfato nell'ultima edizione della rassegna "Scintille": si è aggiudicato il premio speciale, il premio Giuria allievi Nico Pepe e il premio del pubblico in occasione del "Premio nazionale Giovani realtà del teatro 2015" presso l'accademia di arte drammatica "Nico Pepe" di Udine. Ha il sostegno del Centro Teatrale Mamimò, di Armunia e del Centro Artistico Il Grattacielo e beneficia della coproduzione fra Teatro dei Gordi e Tieffe Teatro Milano. L'ingresso di domani al Teatro Giraudi è libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

l.g.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo