segnale d'allarme foto di Enrico De Luigi
Cultura e Spettacoli
Piemonte dal Vivo

Spettacolo: Elio Germano, in realtà virtuale, arriva nelle case degli spettatori

Occhiali immersivi e cuffie, per una visione a 360 gradi. È possibile ritirare i visori al Teatro Alfieri il 7 e l’8 marzo.

Dopo il successo dello scorso gennaio, domenica 7 e lunedì 8 marzo, grazie alle competenze messe in campo da Piemonte dal Vivo, circuito regionale multidisciplinare, in collaborazione con il Teatro Alfieri, torna ad Asti lo spettacolo virtuale Segnale d’allarme – Edizione Straordinaria Smart Watching di e con Elio Germano e la regia di Omar Rashid.

In un momento in cui le sale teatrali sono chiuse, gli spettatori possono assistere ad un’opera di elevato profilo culturale direttamente da casa tramite degli speciali visori. Un progetto diffuso in tutto il Piemonte nel momento in cui la pandemia in corso obbliga le persone al distanziamento, una sfida per la Fondazione, quella di assolvere al suo ruolo di cerniera tra artisti e pubblico, rendendo possibili le condizioni per la celebrazione del rito teatrale pur nel contesto complesso in cui ci troviamo.

Il progetto speciale Segnale d’allarme – Smart Watching di e con Elio Germano e la regia di Omar Rashid grazie a Piemonte dal Vivo arriva in regione per consentire la visione a 360° dello spettacolo in realtà virtuale direttamente a casa degli spettatori, attraverso occhiali immersivi e cuffie.

Il ritiro e la consegna dei visori avvengono presso il Teatro Alfieri, in massima sicurezza e secondo tutti i protocolli di sanificazione: una serata unica direttamente dal proprio salotto, con uno spettacolo disturbante, pensato per scuotere le coscienze e per tenere alta la tensione come se si fosse seduti in prima fila ma direttamente dal proprio appartamento. Lo spettatore ha la sensazione di trovarsi in teatro, di essere in compagnia di altri spettatori, sentendo l’energia della sala teatrale e cercando lo sguardo di chi gli è seduto accanto, perfino i gesti. Grazie alla realtà virtuale si avrà la sensazione di essere davvero seduti a teatro per assistere allo spettacolo di Elio Germano.

Qual è l’allarme? Questo nostro tempo, il diffondersi del pensiero assolutista fomentato da un’informazione deformata di cui la nostra società è vittima. Le nuove tecnologie che hanno cambiato la comunicazione, se da un lato si propongono come democratiche, dall’altro facilitano la manipolazione del pubblico. È in questo contesto che Elio Germano utilizza e allo stesso tempo critica la modernità del linguaggio che ha scelto. “Uno spettacolo provocatorio che ci mette in discussione come pubblico – racconta Germano – Cosa stiamo vedendo? A cosa applaudiamo? Chi è il personaggio che abbiamo di fronte? Dove ci sta portando? Un esercizio di manipolazione dagli esiti imprevedibili – e prosegue aggiungendo-, per la prima volta il teatro si fa virtuale: indossato il visore e le cuffie, verrete catapultati in quella sala e sarà come essere lì”.

Usando le potenzialità della Virtual Reality viene messo in scena un esperimento nel quale Germano ipnotizza i suoi spettatori, quasi li manipola, con lo scopo di trasmettere quel segnale d’allarme da cui prende il nome lo spettacolo VR stesso.

Prenotazioni allo 0141.399040 o 0141.399033, dal martedì al venerdì dalle 9 alle 13, oppure via mail a p.garbin@comune.asti.it o g.mongero@comune.asti.it

Il 7, 8 e 9 marzo la biglietteria del Teatro Alfieri sarà aperta dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18.

Noleggio del visore con spettacolo: 10 euro. È necessario avere con sé copia di un documento di riconoscimento. Il visore deve essere tassativamente riconsegnato alla biglietteria del teatro entro il giorno successivo. Per maggiori informazioni: https://www.piemontedalvivo.it/event/segnale-dallarme-elio-germano-asti-alfieri/

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail