Tra profumi e sapori tipici raddoppial'appuntamento col tartufo a Canelli
Cultura e Spettacoli

Tra profumi e sapori tipici raddoppia
l'appuntamento col tartufo a Canelli

Oltre duecento le bancarelle che invaderanno il centro città sabato e domenica, di cui una cinquantina esclusivamente di prodotti tipici che troveranno spazio lungo corso Libertà sino al piazzale antistante l’Enoteca Regionale di Canelli e dell’Astesana in una sorta di “Via del gusto”.Già sabato sarà possibile acquistare prodotti tipici

La Capitale del Moscato e dello Spumante si prepara ad accogliere la Fiera Regionale del Tartufo e la “Fiera di San Martino”. Oltre duecento le bancarelle che invaderanno il centro città sabato e domenica, di cui una cinquantina esclusivamente di prodotti tipici che troveranno spazio lungo corso Libertà sino al piazzale antistante l’Enoteca Regionale di Canelli e dell’Astesana in una sorta di “Via del gusto”. Area chiusa al traffico, che ospiterà profumi, tradizioni ed attività che hanno come comune denominatore la trifola. Prezioso tubero grigio che, quest’anno, si è defilato dalle fiere e sagre a lui dedicate, vuoi per le bizzarrie climatiche vuoi per le regole fiscali più stringenti alle quali devono attenersi anche i trifolao.

Già sabato sarà possibile acquistare prodotti tipici, con visita alle cantine storiche canellesi a partire dalle 9 fino alle 12 e dalle 15 alle 18. Ma sarà domenica la giornata clou: mercatino e mostra-concorso dedicata al tartufo bianco ed organizzata, alle Cantine Gancia, dal Comune. Testimonial la nuotatrice astigiana Alice Franco, campionessa europea di nuoto. Salta l’asta-incanto causa crisi, manifestazione da ripensare sulla scorta di simili e più blasonati appuntamenti.

Alle 11,30 “Alfieri, (A)Mleto…e il Tartufo”, spettacolo teatrale proposto da Agar Teatro. Il tutto sempre accompagnato dalla possibilità di visitare (con degustazione) le “Cattedrali sotterranee”, candidate a diventare patrimonio dell’Unesco: Cantine Bosca, via G.B. Giuliani, 21, telefono 0141-967711; Cantine Contratto, via G.B. Giuliani, 56, telefono 0141-823349; Cantine Coppo, via Alba, 68, telefono 0141-823146 e  Cantine Gancia, corso Libertà, 66, telefono 0141-830212.
In tutti i ristoranti della zona sarà possibile pranzare con piatti della tradizione monferrina e “grattatine” di tartufo bianco.

Per i turisti non solo degustazioni e pranzi a base di “trifola”. Molti gli appuntamenti per gourmet a caccia delle rarità monferrine. In piazza Gancia la Pro loco Città di Canelli propone la classica “farinata” di ceci. In piazza della Stazione la Pro loco Antico Borgo Villanuova cuoce la “Trippa ‘d San Martin” nella tradizionale e antichissima ricetta monferrina, piatto ufficiale della manifestazione, mentre lo Spil propone polenta, salsiccia e friciule. La Pro loco di Castagnole Monferrato offrirà ravioli al sugo d’arrosto e carne cruda battuta al coltello.
Info: Ufficio manifestazioni  0141820231 (oppure www.comune.canelli.at.it).

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale