Cerca
Close this search box.
Mostra Guiffrey al museo diocesano
Cultura e Spettacoli
Mostra

“Verso l’invisibile”: al Museo diocesano le opere di Angela Guiffrey

La personale dell’artista torinese – che comprende dipinti di vocazione concettuale su tela, carta e stoffa – sarà visitabile fino al 28 luglio

Si intitola “Verso l’invisibile” la mostra inaugurata nei giorni scorsi al Museo diocesano San Giovanni. Personale dell’artista torinese Angela Guiffrey – che espone dal 2003 ed è vincitrice di diversi concorsi pubblici – comprende dipinti di vocazione concettuale su tela, carta e stoffa. «Le opere, avvolte da un silenzio intriso di spiritualità e simbolicità – commenta Stefano Zecchino, direttore del museo – si pongono in intenso dialogo con gli spazi del San Giovanni».

Il percorso espositivo

Motivo ricorrente nel lavoro dell’artista è il quadrato, figura di ordine, equilibrio e perfezione con profondi risvolti simbolici anche in ambito cristiano: la Gerusalemme Celeste descritta nell’Apocalisse di San Giovanni, prospettiva e compimento finale della storia della salvezza, viene descritta con pianta quadrata per significare la perfezione e la stabilità raggiunte. E ancora il numero quattro, collegato alla figura del quadrato, richiama il numero dei vangeli canonici, dei bracci della croce, dei fiumi che scorrono dall’Eden e delle creature misteriose collocate accanto al trono di Dio nell’Apocalisse (Tetramorfo) a cui saranno successivamente associati i vangeli.
Una parte importante nel percorso espositivo è poi destinata ai “neri”. «L’uso del nero come colore dominante – continua – genera un’atmosfera di mistero, mentre gli eterei fili metallici o gli inserti di foglia oro aggiungono accenti di consistenza e contrasto. Anche in queste opere traspare un richiamo alla mistica cristiana, alla “notte oscura” di cui parla San Giovanni della Croce nei suoi scritti quando l’anima, trasformata dall’amore, al culmine dell’esperienza estatica si unisce a Dio e la notte diventa “pacifica, abissale e oscura intelligenza divina”».

Ingressi

Il percorso espositivo, curato da Clizia Orlando, è visitabile fino al 28 luglio con il seguente orario: venerdì dalle 16 alle 19, sabato e domenica dalle 9.30 alle 13 e dalle 16 alle 19; nei restanti giorni su prenotazione (museo@sicdat.it, 351/7077031). Ingresso ad offerta libera.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Scopri inoltre:

Edizione digitale