"Vivrò di musica, la gavetta non mi spaventa". Barbara Giacchino canta a New York
Cultura e Spettacoli

"Vivrò di musica, la gavetta non mi spaventa". Barbara Giacchino canta a New York

Barbara è stata selezionata insieme ad altri nove cantanti italiani per partecipare il prossimo 22 settembre al Festival della Canzone Italiana di New York City. Un evento organizzato dall’Associazione Culturale Italiana di New York e che avrà risalto internazionale. La serata sarà infatti trasmessa dalle telecamere del canale Rai Italia in tutto il mondo. Ad attenderla tra un mese e mezzo il palco del Resort World Casino di NY nel Queens dove Barbara proporrà il suo brano inedito…

«Mi è venuta la tachicardia, non ci potevo credere». Un post di qualche riga pubblica sul noto social network Facebook e la vita di Barbara Giacchino, studentessa e cantautrice di 28 anni di Nizza Monferrato, si tinge di stelle e strisce. L’occasione è ghiotta di quelle che non capitano due volte: Barbara è stata selezionata insieme ad altri nove cantanti italiani per partecipare il prossimo 22 settembre al Festival della Canzone Italiana di New York City.

Un evento organizzato dall’Associazione Culturale Italiana di New York e che avrà risalto internazionale. La serata sarà infatti trasmessa dalle telecamere del canale Rai Italia in tutto il mondo. «Nel maggio scorso ho partecipato al concorso mandando il curriculum e una copia di un mio brano inedito» racconta Barbara entusiasta, per la testa le mille incombenze da risolvere prima della partenza oltre oceano «davvero non pensavo di poter essere scelta. Poi qualche giorno fa apro la mia pagina di Facebook e mi prende un colpo: Stefano Santoro, uno degli organizzatori del Festival, mi comunicava che avevo passato la selezione e che a settembre avrei dovuto raggiungere gli Stati Uniti».

Ad attenderla tra un mese e mezzo il palco del Resort World Casino di NY nel Queens dove Barbara proporrà il suo brano inedito (il titolo e il genere è ancora top secret) insieme ad altri artisti italiani: cinque provenienti dall’Italia, gli altri cinque hanno invece passaporto italiano ma provengono da tutto il mondo. Davvero un bel risultato per una ragazza che sta costruendo la sua carriera da sola, lontana dai talent show e impegnata a frequentare il CPM Music Institute di Milano. Il genere pop le scorre nelle vene, alle spalle un album e un singolo che possono essere acquistati su tutti gli store digitali.

Nel 2009 Barbara debutta con il singolo "Tra I Fiori" con il quale si aggiudica  la finale del concorso nazionale Tour Music Fest. Poi nel maggio 2013 esce l’album "Silenziosamente". Grinta e tenacia, il suo obiettivo è fisso in mente: per lei il futuro è nel canto. «Questo è un ambiente duro, è difficile trovare qualcuno disposto a investire sui nuovi talenti. A meno che questi non arrivino da qualche show televisivo e anche in quel caso la fama ha sempre il sapore della transitorietà – ci spiega – Io ho scelto di fare la cantautrice, voglio vivere della mia musica e per ora ci sto riuscendo dividendomi tra feste di paese e serate. La gavetta è lunga ma non mi spaventa».

Sacrificio e passione sono componenti indispensabili se si vuole seguire una carriera come questa. D’altronde lo  stesso Gianni Morandi cantava "uno su mille ce la fa". Ora i pensieri di Barbara sono tutti per New York, la speranza è quella che dalla Grande Mela possa aprirsi qualche porta. «Appena ho ricevuto la notizia ho subito pensato di doverlo dire a qualcuno…e quel qualcuno è stata mia madre – sorride mentre ne parla – per scaramanzia ero stata zitta, nessuno sapeva che avevo partecipato al concorso. Quando mia madre mi ha sentito al telefono si è spaventata. Ero agitatissima e pensava che avessi avuto un incidente».

E invece la notizia è quella che fanno battere il cuore a mille dalla felicità. Un’opportunità unica, il festival sarà visto nei cinque continenti e la serata condotta dalla giornalista Benedetta Rinaldi. La direzione di produzione è gestita da Stefano Santoro, collaboratore del Festival ed esperto di produzioni video per reti americane e italiane mentre quest’anno la direzione artistica è stata affidata alla Incanto Productions, società con sede a New York, specializzata in produzioni musicali e teatrali bilingue. Tra gli ospiti d’eccezione è attesa Patty Pravo e gli attori del cast di "Un Posto al Sole". Alcuni momenti del festival saranno ripresi e inseriti in una delle scene della popolare fiction.

r.n.p.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo