La Nuova Provincia > Economia e scuola > Istituto Artom, avviate le conferenze in streaming in vista della Maturità
Economia e scuola Asti -

Istituto Artom, avviate le conferenze in streaming in vista della Maturità

L'obiettivo è preparare gli studenti approfondendo le tematiche di Cittadinanza e Costituzione

Il ciclo di incontri “a distanza”

Tra le novità previste dall’Esame di Stato (Maturità), che a causa dell’emergenza sanitaria consisterà in un colloquio orale, è previsto l’accertamento delle conoscenze maturate nell’ambito delle attività di Cittadinanza e Costituzione.
Per questo è stato avviato nei giorni scorsi, all’istituto Artom, un ciclo di appuntamenti “a distanza” con numerosi relatori.
«Per fare in modo che gli studenti siano preparati in maniera adeguata – spiega il dirigente scolastico, Franco Calcagno – abbiamo ritenuto opportuno organizzare proposte di didattica a distanza specifiche, che possano fornire fondamenti, indicazioni e spunti di riflessione sull’educazione civica ma anche sui temi di attualità. Nel nostro istituto le discipline giuridiche ed economiche si svolgono nel biennio. Era dunque necessario un ripasso collegandole anche alla situazione attuale».

I relatori

Il progetto, coordinato dalla prof.ssa Chiara Cerrato, prevede un calendario di appuntamenti che continuerà fino al 30 maggio, per un totale di 11 conferenze. Ad intervenire come relatori il presidente della Provincia Paolo Lanfranco; il sindaco Maurizio Rasero; Elena Ferrara, promotrice della Legge 71/2017 sul cyberbullismo; il perito industriale Fabio Bosticco; il ten. col Biagio Carillo, comandante NAS Asti, Alessandria e Cuneo; Claudio Nuti, presidente regionale della Società italiana di medicina generale; Debora Fino, docente del Politecnico di Torino; Claudia Pescitelli (Incubatore dell’Impresa dell’Università di Torino); Roberto Trinchero (Università di Torino); Enzo Pace, imprenditore e docente all’Università Cattolica di Milano; Giuseppe Ferrero, presidente del Banco Alimentare di Asti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente