La Nuova Provincia > Economia e scuola > Studenti in corso Alfieri per parlare di libri
Economia e scuolaAsti -

Studenti in corso Alfieri per parlare di libri

Gli alunni della primaria Salvo d'Acquisto e della media Brofferio - Martiri della Libertà impegnati nell'iniziativa "#ioleggoperché"

Ecco l’iniziativa “#Ioleggoperché”

Un tratto di corso Alfieri è stato animato, sabato scorso, dalla presenza degli alunni della scuola primaria Salvo d’Acquisto e della media Brofferio – Martiri della Libertà. Bambini e ragazzi che, con entusiasmo e impegno, hanno sostenuto “#Ioleggoperché”, la più grande iniziativa nazionale di promozione della lettura organizzata dall’Associazione Italiana Editori in collaborazione col Ministero dell’Istruzione.
Svoltasi dal 19 al 27 ottobre, l’iniziativa consentiva di acquistare, in oltre 1.500 librerie sparse sul territorio nazionale, libri da donare alle scuole materne, elementari, medie e superiori. Le librerie aderenti erano infatti gemellate con alcune scuole della provincia di appartenenza, con lo scopo di raccogliere libri per le biblioteche scolastiche.

Gli alunni della Brofferio – Martiri della Libertà

Per quanto riguarda la media Brofferio – Martiri della Libertà sono “scesi in campo”, venerdì pomeriggio e sabato per tutto il giorno, numerosi alunni delle classi seconde e terze davanti alle tre librerie gemellate con la loro scuola (Goggia, Il Pellicano, Marchia – Mondadori). I ragazzi, riconoscibili perché indossavano la maglietta gialla o blu della scuola, fermavano i passanti invitandoli ad aderire all’iniziativa.
«I ragazzi hanno partecipato in modo massiccio e con entusiasmo», spiega la professoressa Mara Morando, referente del progetto insieme alle colleghe Anna Bocchio e Gabriella Vaudano. «Il loro compito – continua – consisteva nel fermare i passanti e leggere la pagina di un libro. Poteva essere il passaggio di un volume particolarmente apprezzato oppure, in linea col nome della nostra iniziativa, ovvero “Pronto soccorso letterario. Leggi che ti passa”, una pagina che parlava di una situazione negativa (solitudine, difficoltà dell’essere adolescenti) e che proponeva una soluzione per “curarla”. Infine consegnavano segnalibri realizzati da loro».
«I ragazzi – conclude – sono stati molto soddisfatti perché sono stati numerosi, oltre ai familiari e agli amici, i passanti che si sono fermati, hanno ascoltato la lettura e sono entrati in libreria a comprare. Inoltre coloro che non erano di Asti dimostravano comunque interesse verso l‘iniziativa e ascoltavano i ragazzi con attenzione. Tanto che abbiamo raggiunto la quota record di 495 libri acquistati per la nostra biblioteca scolastica».

L’iniziativa della Salvo d’Acquisto

Gli alunni della primaria Salvo d’Acquisto

Molto soddisfatti anche insegnanti e bambini della primaria Salvo d’Acquisto, presenti sabato pomeriggio davanti alla libreria “Goggia”.
Protagonisti gli alunni delle classi seconde e terze, oltre ai compagni della V A, insieme agli insegnanti Maria Ciancio, Annamaria Ercole, Silvia Casorzo, Carla Casale, Paola Quirico e Alessandro Fantino.
«Ci siamo iscritti al contest dell’iniziativa “#Ioleggoperché” – spiega la maestra Maria Ciancio, referente del progetto – partecipando con diverse modalità. Le classi terze, per esempio, nell’ambito del progetto inerente la salvaguardia dell’ambiente, leggevano ai passanti una frase significativa tratta da testi sul tema, che avevano riportato su una foglia dipinta da loro. Una volta letto il messaggio, appendevano la foglia su un albero di polistirolo realizzato per l’occasione. Dopodiché spiegavano in cosa consisteva il progetto e invitavano i passanti ad entrare in libreria».
«Le classi seconde, invece – continua – erano impegnate nelle letture animate e consegnavano segnalibri realizzati in classe che riportavano i loro pensieri sull’importanza delle lettura. Infine, i bambini di quinta leggevano ai passanti la pagina di un libro che li aveva colpiti e spiegavano in cosa consisteva l’iniziativa nazionale».
Ottima la risposta da parte della gente che passeggiava lungo il corso. «I passanti sono stati tutti molto gentili e generosi – conclude – in quanto hanno dimostrato interesse e attenzione nei confronti dei bambini, lodandoli per l’impegno e mostrando loro l’acquisto effettuato all’uscita della libreria.
Per tutti noi è stata una grande soddisfazione, sia a livello di esperienza sia a livello di risultato concreto. Infatti, solo presso la libreria “Goggia” (una delle tre gemellate con la nostra scuola) abbiamo registrato l’acquisto di 170 libri per la nostra biblioteca».

Il commento di Luigi Doano

Commento positivo anche da parte di Luigi Doano, titolare della libreria “Goggia”.
«Per noi – afferma – è stata un’esperienza coinvolgente che ha dimostrato tanto interesse per i libri. Vogliamo quindi ringraziare le insegnanti che si sono appoggiate a noi per l’iniziativa: Mara Morando, professoressa della scuola media Brofferio, le insegnanti della Salvo d’Acquisto, ma anche tutti i docenti delle 40 scuole che si sono gemellate con la nostra libreria in occasione di “#Ioleggoperché”».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente