Al gruppo Smurfit Kappa il settimo “Safety day”
Economia

Al gruppo Smurfit Kappa
il settimo “Safety day”

La salute e la sicurezza sul lavoro, nella loro più ampia interpretazione che va ad abbracciare l’integrità e la dignità della persona, sono al centro delle politiche dell’Unione Europea e dei

La salute e la sicurezza sul lavoro, nella loro più ampia interpretazione che va ad abbracciare l’integrità e la dignità della persona, sono al centro delle politiche dell’Unione Europea e dei singoli Stati, ma è chiaro che nel tradurle in pratica una parte fondamentale la giocano le imprese e i singoli lavoratori ai quali spetta il compito di istituire e rispettare protocolli di sicurezza, corsi di formazione e incontri volti all’informazione e alla sensibilizzazione. Il Gruppo Smurfit Kappa, leader nella produzione di imballaggi in cartone con 400 stabilimenti in tutto il mondo, in occasione della settimana mondiale della salute e della sicurezza sul lavoro, ha promosso, presso lo stabilimento di Asti e in contemporanea con gli altri 20 stabilimenti italiani, il settimo “Safety day” allo scopo di illustrare a tutti i dipendenti gli obiettivi raggiunti in termini di sicurezza nell’anno appena concluso e quali interventi è necessario portare a compimento nell’anno in corso.

All’incontro, che ha coinvolto tutti i 150 dipendenti astigiani, sono intervenuti: Saverio Mayer, CEO Corrugated Italy, Elena Franzosi, HR Manager Corrugated Italy, Valtare Bovone, direttore dello stabilimento Smurfit Kappa di Asti e Gianfranco Ingardia, responsabile ambiente, salute e sicurezza per la sede di Asti. Video-interviste e filmati rappresentativi dei più ricorrenti incidenti dovuti a scivolamenti, inciampi e cadute hanno accompagnato gli interventi dei relatori che hanno illustrato ai dipendenti le novità che presto saranno introdotte dal Gruppo al fine di elevare ulteriormente gli standard di salute e sicurezza per il lavoratore. Nel 2014 la Smurfit Kappa ha lavorato al miglioramento degli standard di sicurezza aziendale su più fronti: con corsi di formazione e aggiornamento per i lavoratori, in particolare per i carrellisti, sulla sorveglianza sanitaria, sulla manutenzione preventiva di tutte le linee produttive, sull’implemento delle infrastrutture atte a salvaguardare l’incolumità dei dipendenti con l’installazione, ad esempio, di barriere di protezione lungo i percorsi pedonali, e sulla gestione e valutazione dei rischi grazie all’impiego di specifici software.

Tra gli obiettivi che la proprietà si pone di raggiungere entro la fine del 2015 si evidenzia il lancio di due nuovi standard di sicurezza. Il primo prevede l’utilizzo del corrimano lungo le scale, con il preciso scopo di arginare gli infortuni da caduta che hanno interessato 1000 dipendenti nei diversi stabilimenti Smurfit Kappa. Il secondo, invece, prevede l’implemento della procedura LOTO (Lock out tag out), un sistema che permette di agire sulle macchine in sicurezza. In programma anche una nuova valutazione del rischio macchine, l’installazione di un sistema di rilevazione fumi e chiusura automatica di portoni tagliafuoco e nuovi corsi di formazione e aggiornamento per le squadre antincendio e di primo soccorso. Al termine della relazione il medico competente aziendale Elena Giuliano ha tenuto un corso di formazione sulla movimentazione manuale dei carichi.

Marzia Barosso

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo