Conflitti tra privati?Arriva il “geometra mediatore”
Economia

Conflitti tra privati?
Arriva il “geometra mediatore”

Un po’ psicologo un po’ tecnico, arriva anche ad Asti il “geometra mediatore”. Una figura professionale che consente di dirimere i conflitti tra soggetti privati senza il ricorso

Un po’ psicologo un po’ tecnico, arriva anche ad Asti il “geometra mediatore”. Una figura professionale che consente di dirimere i conflitti tra soggetti privati senza il ricorso all’avvocato. Il Collegio dei Geometri di Asti ha dunque presentato il suo nuovo Organismo di Mediazione interprofessionale grazie all’associazione nazionale Geo-cam. Nella nostra provincia sono 13 i geometri che hanno conseguito l’abilitazione e potranno quindi esercitare anche in qualità di mediatori. I campi di azione sono i più vari: dalla divisione di immobili o terreni alle suddivisione ereditarie, all’utilizzo e gestione di spazi comuni o di confine tra aree di proprietà diversa fino alle questioni condominiali. Questi sono solo alcuni esempi di questioni controverse, di possibili cause di conflitto che con la nuova legge possono essere affrontate e superate grazie al mediatore.

«Alle volte è sufficiente uno sguardo esterno, il consiglio di un professionista sopra le parti per dirimere una controversia e trovare l’accordo» osserva Bruno Curletto responsabile astigiano di Geo-Cam. Per esercitare i mediatori geometri hanno dovuto sostenere corsi di formazione specifici organizzati dall’ente così da apprendere la metodologia e le conoscenze scientifiche e tecniche necessarie per la risoluzione dei conflitti e delle controversie. «Ci hanno definiti “psico-geometri” – aggiunge Curletto con un sorriso – in un certo senso è così perché dobbiamo capire quali sono i reali interessi delle parti coinvolte e attraverso la mediazione conciliare gli eventuali conflitti. In poche parole noi siamo dei “facilitatori della comunicazione”».

Non a caso nel 90% dei casi il conflitto si genera a causa di un’incomprensione. Per questa ragione i mediatori devono sostenere corsi mirati al fine di migliorare la comunicazione, per creare empatia con il cliente, in modo da raggiungere la sua piena fiducia e utilizzare al meglio le nuove tecniche di risoluzione delle controversie. I mediatori hanno conoscenze interdisciplinari e attraverso la loro azione si stima che in media ogni anno più del 70% delle controversie si risolvono positivamente e in poche ore. Per richiedere l’intervento di un mediatore è necessario recarsi sul sito on-line di Geo-cam, compilare un modulo e rilasciare un contributo di 40 euro.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo