Dino Scanavino sarà il prossimopresidente nazionale della Cia
Economia

Dino Scanavino sarà il prossimo
presidente nazionale della Cia

Serve ancora qualche settimana per l'ufficialità della sua nomina, ma la notizia è certa: Dino Scanavino, l'imprenditore vitivinicolo di Calamandrana oggi vicepresidente della Cia nazionale

Serve ancora qualche settimana per l'ufficialità della sua nomina, ma la notizia è certa: Dino Scanavino, l'imprenditore vitivinicolo di Calamandrana oggi vicepresidente della Cia nazionale (confederazione italiana agricoltori) a fine febbraio ne diventerà il presidente. La sua, infatti, è l'unica candidatura presentata nei termini di fine dicembre al vertice dell'associazione di rappresentanza degli agricoltori. Scanavino ha dunque raccolto su di sè i consensi della confederazione che negli ultimi mesi ha già avuto modo di guidare nella sua attuale veste di vicepresidente nazionale vicario.
Scanavino, che ha 52 anni, prenderà il posto di Giuseppe Politi e sarà il primo astigiano a ricoprire la carica di presidente di un'associazione di categoria di agricoltori.

La sua elezione dovrebbe avvenire a fine febbraio, dopo le assemblee provinciali e regionali. Nelle prime, la Cia di Asti dovrà dunque scegliersi un nuovo presidente provinciale visto che Scanavino non potrà più ricoprire la carica a livello locale. Nella sua lettera di candidatura, Scanavino, oltre ad aver dichiarato, sul suo onore, di essere in possesso dei requisiti previsti dal regolamento di elezione del presidente, ha anche indicato i tre vicepresidenti che dovranno affiancarlo nel suo operato: Cinzia Pagni, Antonio Dosi, Alessandro Mastrocinque.

d.p.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo