Mostra consorzio ASti 2022
Economia
Esposizione

Inaugurata a Palazzo Mazzetti la mostra “Novant’anni di bollicine”

Visitabile fino al 16 ottobre, celebra la nascita del Consorzio dell’Asti Spumante e del Moscato d’Asti Docg, avvenuta nel dicembre 1932

E’ stata inaugurata ieri (lunedì), a Palazzo Mazzetti, la mostra “Novant’anni di bollicine. Asti Spumante – Moscato d’Asti”, volta a celebrare il 90° anniversario del Consorzio per la tutela dell’Asti Spumante e del Moscato d’Asti Docg che cadrà il prossimo 17 dicembre.
Curata da Pier Ottavio Daniele – con la collaborazione di Giancarlo Ferraris, Andrea Triberti, Massimo Branda, Luca Percivalle, Zeta Solution e Designstudio25 – apre uno spazio di riflessione non soltanto celebrativo, ma volto ad evidenziare il contributo di crescita culturale ed economica che il Consorzio dell’Asti ha saputo dare al comparto vitivinicolo e non solo.

Le sezioni dell’esposizione

Oltre ai pannelli informativi sulla storia e lo sviluppo del consorzio, comprende sezioni sulle campagne di comunicazione che hanno reso riconoscibili l’Asti Spumante e il Moscato d’Asti nel mondo: dalle prime immagini pubblicitarie ai poster di grandi artisti come Leonetto Cappiello e Armando Testa, dai caroselli televisivi in bianco e nero degli anni ‘50 agli spot dei giorni nostri. Completano il percorso la sezione “immersiva” con letture tratte da autori delle “terre dell’Asti”, come Cesare Pavese e Paolo Conte, e quella dedicata ai ristoratori, che in un video consigliano abbinamenti di piatti all’Asti Spumante e al Moscato d’Asti.
“E’ la storia del nostro territorio e dei nostri produttori”, ha commentato il presidente Lorenzo Barbero. “La nascita del consorzio nel 1932, che peraltro ha tracciato la via per la fondazione di altri consorzi, ci ha permesso di crescere con determinazione e ora ci consente di ben sperare per il futuro”.
La mostra è visitabile da martedì a domenica dalle 10 alle 19 (ultimo ingresso alle 18). Ingresso gratuito.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo