RoadTO2020 ad Astiper rilanciare l’edilizia
Economia

RoadTO2020 ad Asti
per rilanciare l’edilizia

Riqualificazione urbana, tutela ambientale, risparmio energetico e nuova linfa per il settore edilizio duramente colpito dalla crisi: questi gli obiettivi che si pone il progetto RoadTO2020,

Riqualificazione urbana, tutela ambientale, risparmio energetico e nuova linfa per il settore edilizio duramente colpito dalla crisi: questi gli obiettivi che si pone il progetto RoadTO2020, un’iniziativa promossa dalla Fondazione Torino Smart City e presentata giovedì in Camera di Commercio ad Asti ad artigiani e professionisti dei molteplici settori coinvolti, dalla progettazione all’edilizia, con l’intenzione di promuovere uno scambio di “buone pratiche” tra le due città. RoadTO2020 si definisce come un approccio totalmente nuovo per la riqualificazione energetica degli edifici innescando un circolo virtuoso in cui a guadagnarci sono i proprietari degli immobili (pubblici e privati) oggetto dell’intervento che, oltre al taglio della bolletta dell’energia elettrica, ne vedranno aumentare il valore, l’ambiente e il settore delle costruzioni per il quale è difficile immaginare una ripresa a scapito di un ulteriore consumo di territorio.

Com’è possibile tutto ciò a fronte di una crisi che non lascia scampo? Grazie a un pacchetto “chiavi in mano” spiegano i promotori del progetto (Archingest, azienda specializzata nella gestione del patrimonio pubblico e privato e SanProgetto sas, società di progettazione consulenza strategica), al quale aderiscono importanti istituti di credito che consentiranno ai proprietari di accedere a finanziamenti a tassi agevolati. Prestito che sarà restituito con rate mensili che vanno però a bilanciarsi con il risparmio in bolletta. In pratica, il proprietario manterrà la “bolletta piena” fino a estinzione del debito e una volta ripagato il prestito potrà godere di un risparmio sull’energia pari al 30-40% in base al tipo di lavori effettuati.

RoadTO2020 non ha però il solo scopo di promuovere una riqualificazione edilizia, ma anche usi e comportamenti abitativi virtuosi. Se è vero che il 50% del parco immobiliare è obsoleto e questo lo rende responsabile del 40% dell’inquinamento atmosferico è anche vero che il “fattore umano” e gli stili di vita danno un importante contributo a peggiorare la situazione. Al fine di informare e orientare le persone verso pratiche sostenibili, che oltre a fare bene all’ambiente, contribuiscono a tagliare ulteriormente le spese in bolletta, RoadTO2020 ha ideato una piattaforma Smart interattiva e accessibile tramite smartphone, tablet e pc che, comunicando con un apposito misuratore istallato nell’edificio, restituirà in tempo reale i dati sui consumi e sulle modalità di gestione così da permettere a ognuno di valutare le proprie azioni e decidere, eventualmente, quali abitudini cambiare per consumare meno energia.

L’intero progetto è stato accolto con entusiasmo dal presidente della Camera di Commercio Mario Sacco e dal presidente di Confartigianato Biagio Riccio, che ha ricordato come l’unica strada per abbattere l’inquinamento è «non bruciare», e dal sindaco Fabrizio Brignolo che, a proposito di smog, ha ribadito l’importanza di portare a compimento il progetto di una tangenziale sud-ovest che metta fine all’attraversamento del centro storico per chi ha necessità di raggiungere la periferia opposta della città. L’incontro è stato moderato dal giornalista di SkyTg24 Gianluca Semprini.

Marzia Barosso

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo