Scuola, supplenze e precariatoLa battaglia per i diritti
Economia

Scuola, supplenze e precariato
La battaglia per i diritti

La Cisl scuola Alessandria-Asti ha promosso due incontri con l'avvocato Bruni per docenti e personale ATA interessati dalle sentenza della Corte di Giustizia Europea, concernente l'abuso dei

La Cisl scuola Alessandria-Asti ha promosso due incontri con l'avvocato Bruni per docenti e personale ATA interessati dalle sentenza della Corte di Giustizia Europea, concernente l'abuso dei contratti a tempo determinato da parte dello Stato italiano. L'avvocato Bruni, nei sui interventi, ha ribadito che la sentenza europea è una dichiarazione di principio, che dovrà essere accolta all'interno della legislazione italiana. I contratti di supplenza sono legittimi; non è corretta, secondo la Corte Europea, la loro reiterazione nel tempo senza la prospettiva di un termine.

La Cisl scuola Alessandria-Asti intende promuovere immediatamente un ricorso per ottenere la ricostruzione di carriera, lo scatto stipendiale e il risarcimento danni a favore dei docenti che vantano almeno 3 contratti annuali di 180 giorni l'uno entro il 31 agosto 2011 e il personale ATA che vanta 36 mesi di servizio risultanti dalla somma di tutti le supplenze fatte, anche di pochi giorni, entro la stessa data.

Chi rientrando in questi parametri, fosse interessato al ricorso deve consegnare entro il 28 febbraio, presso gli uffici di Cisl scuola (via XX Settembre 10), la copia dei contratti di lavoro, della carta d'identità, del codice fiscale, la tessera associativa Cisl scuola. La spesa del ricorso in primo grado sarà sostenuta da Cisl scuola a fronte di un contributo di 50 euro da parte del richiedente. Per quanto riguarda invece il ricorso sulla stabilizzazione (immissione in ruolo), gli interessati possono fornire, sempre presso gli uffici di via xx Settembre, la documentazione sui contratti di lavoro (36 mesi fino alla data odierna), ma l'inizio della pratica legale sarà rinviato a dopo il parere della Corte Costituzionale italiana.

m.b.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo