Image_adidas vendite cina
Economia

Segnali di ripresa dalla Cina: boom di vendite per Adidas

Adidas registra un maggio positivo sul mercato cinese dove i ricavi hanno ripreso a crescere

Adidas registra un maggio positivo sul mercato cinese dove i ricavi hanno ripreso a crescere. Rispetto allo stesso periodo del 2019 permane un minor afflusso nei negozi recentemente riaperti, ma aumenta il tasso di conversione che, insieme alle eccezionali performance dell’e-commerce, contribuisce all’incremento del fatturato e al ritorno verso la normalità per il gigante tedesco dell’abbigliamento sportivo.

L’importanza della ripresa delle vendite in Cina

La Cina è un mercato strategico per Adidas: proprio qui negli ultimi anni ha registrato tassi di crescita a due cifre, arrivando a un quinto delle vendite totali per il brand sportivo nel 2019. La ripresa del mercato cinese è quindi particolarmente importante, oltre a costituire per tutto il comparto dei beni di consumo un indicatore della capacità di reagire alla crisi. Il progressivo ritorno all’andamento pre-pandemia è segnato dalla riapertura a metà aprile di tutti i punti vendita Adidas, diretti o gestiti da partner commerciali, e l’aumento dei ricavi di maggio 2020 lascia spazio per stime positive da parte del brand, secondo cui le vendite nel secondo trimestre potrebbero eguagliare i livelli del 2019 in Cina. E se i segnali sono incoraggianti in uno dei mercati principali per il brand sportivo Adidas, l’amministratore delegato Kasper Rorsted prevede per il trimestre in corso ancora un calo del 40% sul fatturato globale del gruppo rispetto al 2019.

Crescono la sostenibilità e le vendite online

Una voce importante dei ricavi degli ultimi mesi per Adidas è rappresentata dalle vendite online che hanno registrato una crescita eccezionale. Il successo dei diversi modelli di scarpe Adidas presenti sugli e-commerce, insieme a tanti altri articoli di questo brand, ha contribuito in modo importante al fatturato del business. Le scarpe da ginnastica si confermano uno dei prodotti più richiesti e tra quelle più desiderate troviamo alcuni modelli iconici di Adidas come le Stan Smith, ispirate dall’omonimo giocatore di tennis ed entrate nel cuore dei consumatori per la loro linea minimal, e le Superstar, la cui punta rinforzata è un tributo al mondo del basket, per il quale erano state inizialmente pensate. A questi modelli si aggiungono le Trainer, ideate negli anni Ottanta per i runner e rivisitate nel tempo in numerose varianti di colore. Le Ozweego sono delle chunky sneakers create negli anni Novanta che si caratterizzano per l’aspetto voluminoso e l’estetica patchwork, ma sono anche leggerissime e dotate di suola traspirante. Ma non manca l’innovazione in casa Adidas, che collaborando con Allbirds punta a creare le scarpe da ginnastica più sostenibili al mondo, con emissioni ridotte quasi a zero, che verranno lanciate sul mercato il prossimo anno. L’ecosostenibilità è un tema caro ad Adidas da tempo, tanto che nel 2018 il brand aveva collaborato con Parlay for the Oceans per creare sneakers in plastica riciclata e nel 2019 si era impegnata a produrre una calzatura 100% riciclabile.

Ottime notizie quindi per il re dello sport che dopo un periodo piuttosto buio sta progressivamente tornando a cavalcare l’onda del successo.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo