La Nuova Provincia > Salute e green > Salute psico-fisica: tre buoni propositi per l’estate
Salute e green Asti -

Salute psico-fisica: tre buoni propositi per l’estate

Il desiderio di rimettersi in forma che accompagna la bella stagione rende questo periodo dell’anno un momento ideale per prendersi cura di sé

Il desiderio di rimettersi in forma che accompagna la bella stagione rende questo periodo dell’anno un momento ideale per prendersi cura di sé e ristabilire le migliori condizioni di salute tanto per il corpo quanto per la mente. Ecco alcuni consigli utili.

Addio allo junk food

Il cibo spazzatura, noto anche come junk food, è così definito per lo scarso valore nutrizionale che apporta rispetto all’elevata percentuale di zuccheri e di grassi, e per questo è il primo nemico di una dieta sana ed equilibrata. Quando si parla di junk food si fa riferimento a cibi che tendono a far ingrassare rapidamente e che risultano dannosi per la salute. Sono cibi spazzatura i classici piatti da fast food, con la medaglia nera assegnata alle patatine fritte, ma anche gli altri cibi fritti, le merendine, le caramelle, le barrette, le bibite alcoliche e quelle gassate. Non bisogna poi lasciarsi ingannare da cibi insospettabili, solo apparentemente salutari, come i succhi di frutta e i prodotti light. I primi, soprattutto quelli industriali, sono ricchi di zuccheri e poveri di frutta; mentre i secondi sono poveri di grassi ma spesso addizionati di altre sostanze, risultando alimenti poco equilibrati e talvolta falsamente dietetici.

Stop al tabagismo

Chi desidera ritrovare la forma fisica deve considerare seriamente di smettere di fumare, in quanto gli effetti positivi di questa scelta sono innumerevoli. L’Organizzazione Mondiale della Salute evidenzia che già tra la seconda e la dodicesima settimana si registra un miglioramento della circolazione e della capacità polmonare, dopo il primo mese si può notare un miglioramento della tosse e del respiro corto, dopo un anno si dimezza il rischio di una patologia coronarica e tra i cinque e i quindici anni la probabilità di un ictus equivale a quella di un non fumatore. Ci sono diversi modi per smettere di fumare, come spiegato nel dettaglio in varie guide online, che spaziano dalla decisione di non fumare più di punto in bianco alla riduzione graduale del numero di sigarette fumate. In tutti i casi la motivazione e la determinazione restano due fattori determinanti.

Più passeggiate all’aperto

Un gesto semplice come camminare all’aperto è un toccasana per la salute mentale e fisica. Gli esperti suggeriscono una passeggiata quotidiana di mezz’ora per iniziare a trarre i benefici da questo sport alla portata di tutti, anche se l’ideale sarebbe camminare almeno 10.000 passi al giorno. Non è necessario affrettare la camminata, che si può svolgere alla velocità che si preferisce, ma è importante che l’attività sia costante e svolta all’aria aperta, così da rilassare la mente e fare il pieno di energia. Camminare fa bene anche al corpo: oltre ad aiutare a scaricare la tensione, riduce il rischio di ictus, contrasta il mal di schiena e i dolori muscolari, senza dimenticare che fa risparmiare sui soldi spesi per un abbonamento in palestra.