banca-lanuovaprovincia
I consigli di
Finanziamento

Banca: quale scegliere per un prestito personale?

Quale banca o ente finanziario scegliere?

In Italia, quando avvertiamo la necessità di richiedere un prestito personale, si entra in un loop infinito di consigli di amici, parenti e conoscenti, in cui pare impossibile districarsi. Proprio per la grande mole di informazioni, spesso contrastanti, che riceviamo, non si riesce mai a trovare una soluzione che ci convinca, anche perché farsi un’idea precisa e decisa non è semplice, data anche la scarsa cultura finanziaria che permane nel nostro Paese. E quindi, quale banca o ente finanziario scegliere?

È a questo proposito che servizi come LoanScouter ci vengono in aiuto: grazie a una serie di dati che riesce ad incrociare e a valutare in tempo reale, questa piattaforma rimane fra le più affidabili di tutto il settore.

Ma vediamo, più nello specifico, su quali informazioni basa le recensioni di banche e enti creditizi che erogano prestiti.

TAEG: cos’è questa importante variabile

LoanScouter, come abbiamo detto poc’anzi, confronta i prestiti basandosi su una serie di dati utili a definire quello più appropriato alle nostre esigenze. Fra i parametri più importanti, sicuramente possiamo citare il TAEG, acronimo che sta per “Tasso Annuo Effettivo Globale” e che, con un valore percentuale, è in grado di definire il costo effettivo del prestito, andando ad includere le varie spese da sostenere per il suo utilizzo e gli interessi. Si tratta di una variabile fondamentale, che deve essere indicata nel contratto e nelle offerte formulate dall’ente finanziario. Ci si rende subito conto che il TAEG consente di farci un’idea, velocemente, sui vantaggi di un prestito rispetto a un altro, ed è per questo che deve essere preso in considerazione appena ci si approccia alla richiesta di un finanziamento.

Un altro parametro importante che, possiamo dire, va a braccetto con il TAEG è il TAN. Vediamo nel dettaglio di che si tratta e in cosa si differenzia dal primo.

TAEG e TAN: differenza fra due variabili da non sottovalutare

Il TAN è un altro valore da tenere sott’occhio. L’acronimo sta per “Tasso Annuo Nominale” ed indica il tasso d’interesse annuo, calcolato sul prestito, chiesto da un creditore su un finanziamento. Anche in questo caso, il valore è espresso su base percentuale. Il TAN incide sui costi del prestito e sul valore delle rate. La differenza con il TAEG è, quindi, nella diversa funzione che questi indicatori svolgono: il TAN, infatti, esprime gli interessi relativi al prestito, il TAEG, invece, ci rivela il costo totale del prestito personale, comprendendo alcune spese accessorie di grande rilevanza. Se vogliamo, il TAN rimane un parametro necessario per il calcolo del TAEG.

Il calcolo del TAEG conta di più per la scelta di un prestito?

A questo punto una domanda è lecita: il TAEG è il valore principale per verificare la convenienza di un prestito rispetto a un altro? La risposta breve è sì: il TAEG rimane la variabile migliore per confrontare i prestiti, ma ad incidere su questa c’è comunque il TAN. L’idea migliore, quindi, rimane sempre quella di rivolgersi a degli esperti, come quelli di LoanScouter.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo