Young woman with laptop studying English online, top view
I consigli di
Sapere

Corsi di inglese gratuiti online

Imparare l’inglese è ormai un must per chiunque, eppure in Italia il livello medio di conoscenza dell’inglese resta basso

Imparare l’inglese è ormai un must per chiunque, eppure in Italia il livello medio di conoscenza dell’inglese resta basso. Le prove INVALSI degli ultimi anni registrano he solo il 30% degli studenti di quinta superiore raggiungono il livello target previsto dagli obiettivi ministeriali per la maturità (livello B2).

Questo dato si riflette nella vita accademica e lavorativa: ad oggi il livello di inglese più diffuso tra gli adulti è il B1 (che in molte università viene richiesto almeno come requisito di accesso per immatricolarsi).

Secondo i descrittori, il livello B1 è quel grado di competenza della lingua che permette di gestire scambi dialogici semplici e brevi (come presentarsi, descrivere un fatto, una cosa o una persona, chiedere e dare una informazione), scrivere un messaggio (ad esempio una email), leggere un testo concreto su un argomento conosciuto.

Non consente invece di guardare con comprensione approfondita un film in lingua originale, leggere un saggio in inglese, redigere un report dettagliato o una lettera formale, colloquiare di argomenti complessi.

Il livello B1, in pratica, limita i nostri scambi in inglese ad una capacità minima di interagire, che non è compatibile con una carriera all’estero o con lo studio in ambito internazionale. Inoltre, le persone piu avanti con gli anni o che non hanno beneficiato di una educazione superiore, spesso non sono in grado di sostenere neppure scambi dialogici di livello “turistico”.

In questa modesta competenza degli adulti italiani in lingua inglese, gli italiani sono omogenei ai loro coetanei dell’Europa mediterranea, mentre nell’Europa del nord moltissimi parlano inglese in modo fluido. La differenza sostanziale sta nel fatto che in Norvegia, Svezia o Danimarca molti programmi televisivi sono in lingua originale e inoltre l’inglese viene spesso usato come lingua funzionale per compiti di ogni giorno (fare le ricerche su internet, ad esempio).

Open minds è una scuola di inglese online che dall’inizio della pandemia ha voluto regalare molte risorse per insegnare l’inglese ai bambini, diffuse gratuitamente tramite la mailing list durante la DAD e nelle scuole tramite i contatti con decine di migliaia di docenti.

Oggi, Open minds sceglie oggi di orientare la propria offerta gratuita verso gli adulti, specie le fasce piuì deboli con un livello di inglese principiante potranno usufruire di corsi online completamente a gratis, e precisamente:

  • Inglese A1 – grammatica e comunicazione
  • Inglese A2 – grammatica e comunicazione
  • Inglese B1 – grammatica

Si tratta di percorsi integrati nei quali l’utente può, dopo una registrazione, accedere a risorse quali video-lezioni ed esercitazioni.

Oltre alle risorse completamente gratuite, Open Minds ha creato dei percorsi ad un prezzo accessibile per consentire a tutti di poter imparare e praticare l’inglese. Anche in questo caso, il focus è sui livelli elementari oppure sulle certificazioni linguistiche richieste per ottenere punteggio nel pubblico impiego.

Questi corsi sono blended, ovvero mischiano una parte in asincrono (su piattaforma, con lezioni registrate e ampia parte esercitativa) ed una parte in diretta. In pratica per ogni unità tematica si fa la prima lezione in asincrono (durata circa 55 minuti) e la seconda “live” con il docente di madrelingua inglese. In questo modo, si va a praticare nella conversazione in inglese proprio ciò che si è appena imparato.

Il focus di questi corsi di inglese flessibili è comunicativo e pratico:

  • Il corso A2 è incentrato sui dialoghi in inglese di ogni giorno: si impara a gestire un dialogo in inglese in un negozio, a chiedere e dare informazioni, ad ordinare al ristorante, a descrivere luoghi, persone ed eventi.
  • Il corso B1 mischia Business English e General English ed ha una impostazione da “inglese in ufficio”: si impara a rispondere al telefono, gestire un reclamo, concordare giorni e orari, scrivere una mail….

Per i livelli più alti si propongono invece le preparazioni alle certificazioni riconosciute dal MIUR:

  • Language Cert B2
  • Language Cert C1

Questi certificati sono accettati dalle PA e conferiscono punti in graduatoria.

Questi corsi superflessibili vengono offerti con uno sconto del 10% agli studenti universitari e con uno sconto del 15% ai disoccupati.

Inoltre i docenti possono acquistare il corso con la carta docente.

Ci auguriamo che questa iniziativa sia utile.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail