B2E67EFA-DD9E-4E69-8CF7-951041B1DF8D-800x450
Sport e Palio

Allenamenti possibili per gli agonisti di tennis, padel e beach tennis, in preparazione a tornei di “interesse nazionale”

Servirà possedere visita medico sportiva, essere iscritti a un torneo e avere tessera agonistica

Allenamenti possibili per gli agonisti di tennis, padel e beach tennis, in preparazione a tornei di “interesse nazionale”

Una “eccezione” parziale per quel che concerne l’attività sportiva nelle “zone rosse”, come la nostra in base alle recenti decisioni del Governo, secondo il nuovo dpcm. Nonostante sia vietata l’attività sportiva nella nostra regione va sottolineata l’apertura parziale all’attività da parte della FIT (Federazione Italiana Tennis). Già in settimana, presso i circoli aperti, potranno infatti svolgere allenamenti (in uno sport privo di contatto, ovviamente) tutti gli atleti agonisti iscritti a un torneo di interesse nazionale (che, di norma, dovrebbe essere un categoria Open al quale può partecipare anche un quarta categoria). Per potersi allenare a tennis, beach tennis e padel, quindi, sarà necessario essere in possesso di una tessera FIT agonistica, avere la visita medico sportiva in regola e certificare di essere iscritti a un torneo. Sarebbero quindi sessioni di allenamento in preparazione di un appuntamento agonistico di rilevanza nazionale. Il paradosso è che, quindi, gli atleti che dovranno partecipare a manifestazioni fuori regione, visto che in Piemonte sono vietati i tornei, avranno il permesso di viaggiare e recarsi presso le location nelle quali si svolgono le kermesse. Ricordiamo che nelle scorse settimane molti appassionati della racchetta hanno optato per tesserarsi così da poter svolgere allenamento al coperto, aspetto vietato per i semplici amatori, una scelta che poi è stata sostanzialmente annullata dalle nuove norme restrittive.
Il testo del nuovo dpcm recita testualmente: «sono consentiti soltanto gli eventi e le competizioni riconosciuti di interesse nazionale con provvedimento del CONI e del CIP riguardanti gli sport individuali e di squadra organizzati dalle rispettive federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate, enti di promozione sportiva, all’interno di impianti sportivi a porte chiuse ovvero all’aperto senza presenza di pubblico. Le sessioni di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, degli sport individuali e di squadra, partecipanti alle competizioni di cui alla presente lettera, sono consentite a porte chiuse, nel rispetto dei protocolli emanati dalle rispettive Federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate ed Enti di promozione sportiva».
Il dipartimento dello sport afferma che «sono sospesi tutti gli eventi organizzati dagli enti di promozione sportiva, che si tengano all’aperto o al chiuso senza pubblico. Sono consentiti gli allenamenti di atleti, professionisti e non professionisti, partecipanti agli eventi e alle competizioni di rilevanza nazionale previsti dalla norma. In questo caso sono consentiti anche gli spostamenti interregionali».
Allo stato attuale, quindi, gli agonisti della racchetta possono allenarsi, ma la sensazione è che potrebbero arrivare specifiche nuove e più restrittive.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail