6DB28B87-D71B-4390-A30A-0249A73D6197
Sport

ASD Asti e Canelli in Eccellenza, Villafranca in Promozione

La squadra di Bosticco, che era seconda a soli tre punti dal Lucento, incredibilmente prima delle escluse

ASD Asti e Canelli in Eccellenza, Villafranca in Promozione

Nelle scorse ore la federazione ha ufficializzato la composizione dei gironi calcistici regionali. Non c’erano dubbi sulla presenza nel campionato di eccellenza dell’ASD Asti e del Canelli SDS, squadre protagonista nelle zone medio-alte della scorsa stagione agonistica. Ci si aspettava invece un esito decisamente differente per la Pro Villafranca, squadra autrice di un campionato costantemente ai vertici in promozione che aveva effettuato richiesta di ripescaggio. La compagine di mister Bosticco disputerà nella prossima stagione lo stesso campionato. La squadra del presidente Iosi Venturini è stata inserita nel girone D del campionato, come lo scorso anno. Inutile nascondere tuttavia il rammarico per il mancato ripescaggio: “La nostra squadra al momento della sospensione a causa del coronavirus era stabilmente al secondo posto della graduatoria, distante solamente tre punti dalla capolista Lucento e con lo scontro diretto casalingo che ci avrebbe eventualmente permesso di raggiungere la vetta. In base a questi numeri sicuramente avremmo meritato di partecipare alla categoria superiore ma così purtroppo non è stato”, commenta il presidente. Il Villafranca farà parte di un raggruppamento caratterizzato dalla presenza di compagini storiche come la Novese e la Valenzana, in cui senza alcun dubbio l’Ovadese dell’allenatore astigiano Raimondi partirà tra le corazzate designate. Ripescato invece l’Acqui, che era terzo in classifica nello stesso girone dei Villan’s ma che ha beneficiato della presenza di squadre giovanili partecipanti ai tornei regionali. A destare dubbi è soprattutto la scelta di confermare in categoria squadre che al momento della sosta avevano pochissimi punti ed erano sostanzialmente già destinate alla retrocessione. In Promozione anche la Santostefanese.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo