Materozzi
Sport
Tamburello a muro

L’ambizioso Montemagno ripartirà con due formazioni

La conduzione tecnica della squadra di A sarà affidata a Luigino Materozzi
Il Montemagno si candida con autorevolezza per recitare un ruolo da protagonista nella serie A 2023 del massimo campionato a muro. La società orchestrata da Giulio Griffi punterà forte sul supporto di Comune e Pro Loco per riscattare un’annata agonistica non felicissima.

A comporre l’organico del team presieduto da Paolo Porta saranno i confermati Riccardo Molino, Massimo Savio e Federico Grattapaglia, con la novità dei due Matteo, Forno (ex Grazzano) e Bertone (ex Calliano), ad elevare il tasso tecnico del quintetto. Conduzione tecnica affidata a Luigino Materozzi (foto), chiamato a rimpiazzare Andrea Costanzo. Un altro Materozzi, Luca, reduce da una positiva stagione a Moncalvo, nipote di Luigi, andrà a completare il “roster” della prima squadra. Il Montemagno ha vinto per l’ultima volta il campionato a muro nell’anno 2000, quando ancora allo stesso non era stata attribuita valenza nazionale. Lo spirito di gruppo avrà grande rilevanza per competere al meglio con le rivali più blasonate del campionato.

Serie A ma non solo, poichè il Montemagno non si limiterà alla partecipazione al campionato d’elite della disciplina, ma andrà in cerca di soddisfazioni anche nel torneo cadetto. E’ stata infatti allestita un’ulteriore compagine che disputerà la serie B e potrà contare su elementi del calibro di Christian Dacasto, in uscita da Castell’Alfero (serie A), Mimmo Garbagnati, Giuseppe Vergante, Fabrizio Dessimone, oltre al già menzionato Luca Materozzi e ad Alessandro Poncini. Nella storia della società quattro i successi conseguiti nella cadetteria: 2004, 2010, 2012 e 2014.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale