La Nuova Provincia > Attualità > Sabato torna la raccolta di cibo con Porta la sporta
Attualità Asti -

Sabato torna la raccolta di cibo con Porta la sporta

Obiettivo della raccolta, di alimenti e generi di prima necessità, è quello di aiutare chi aiuta i più bisognosi, i poveri di Asti

La raccolta alimentare per aiutare i più poveri

Tutto è pronto per la nuova edizione di Porta la sporta in programma domani, sabato 7 luglio, in numerosi market cittadini. Obiettivo della raccolta, di alimenti e generi di prima necessità, è quello di aiutare chi aiuta i più bisognosi, i poveri, da molti definiti “gli invisibili”, ma che in luoghi come la Mensa sociale di corso Genova sono ben noti come lo sono le loro storie personali.

Non solo la Mensa gestita dalla suore, ma anche il Centro di accoglienza notturno maschile (prodotti per l’igiene), il Centro di ascolto di San Domenico Savio (derrate di prima colazione) e il Centro accoglienza vita (alimenti per infanzia) di via Giobert saranno aiutati dalla raccolta che si svolgerà effettuando la classica spesa del sabato. Gli astigiani che lo vorranno potranno acquistare una serie di prodotti e i volontari, tra cui molti giovani, li stoccheranno in un magazzino e poi li distribuiranno ai bisognosi.

I negozi che aderiscono

Ed è proprio una rete di volontari e associazioni operanti sul territorio che attenderà i cittadini nei vari market coinvolti nel progetto: Punto 3A di via Petrarca; Borello supermercati di corso Alessandria, viale Vittoria e corso Alba; i Simply di via Gozzano, via Lessona e strada Fortino; i Mercatò di viale Pilone e via Bra; Pam di corso Torino, Cooperativa Della Rava e della Fava di piazza Torino e corso Alessandria; Unes di corso 25 aprile e Carrefour Express di piazza Alfieri.

La Giornata Regionale Alimentare

Quest’anno Porta la sporta sarà gemellata con la Croce Rossa che, sempre sabato, darà vita alla Giornata Regionale Alimentare. I volontari C.R.I saranno presenti all’Esselunga del Borgo per raccogliere alimenti da offrire alla propria rete di persone in difficoltà: 650 nuclei familiari astigiani, oltre a quelli seguiti dalle sedi territoriali di Monastero Bormida, Villafranca d’Asti, Calliano – Castell’Alfero e Costigliole. Si raccoglieranno inoltre prodotti per animali, da destinare al canile e gattile di Quarto. Per proporsi come volontari è possibile rivolgersi all’assessorato alle politiche sociali, telefono 0141/399520.

r.santagati@lanuovaprovincia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente