A San Quirico nuova piattaformaper lo sport giovanile
Attualità

A San Quirico nuova piattaforma
per lo sport giovanile

Nei giorni scorsi è stato aggiudicato l'appalto per la costruzione della nuova area sportiva di via Scotti, nel quartiere di San Quirico. Ad aggiudicarsi il lavoro è stata l'impresa

Nei giorni scorsi è stato aggiudicato l'appalto per la costruzione della nuova area sportiva di via Scotti, nel quartiere di San Quirico. Ad aggiudicarsi il lavoro è stata l'impresa astigiana FA.RE dell'architetto Fasolis & C. La struttura, richiamando il polo sportivo già realizzato in via Turati, nel quartiere Torretta, grazie ai fondi del PISU, comprenderà un campo per giocare a calcetto e a pallacanestro. «Lo stanziamento, introdotto dalla variazione di bilancio approvata il 30 novembre dal Consiglio comunale su proposta del consigliere Cadeddu, sempre attento alle problematiche della zona San Quirico, è finalizzato a offrire un nuovo servizio e una nuova possibilità di fare sport all'aria aperta ai giovani di questo popoloso quartiere» ha precisato il sindaco Brignolo ricordando la genesi della struttura polivalente.

Lo spazio prescelto è vicino all'edificio (un tempo utilizzata come cappellania) gestita da una cooperativa incaricata dalla Diocesi, proprietaria del fabbricato: un locale presidiato, dotato di servizi igienici, che diventerà così sempre più un punto di aggregazione sociale per il quartiere. «L'intervento – hanno spiegato il sindaco, l'assessore ai lavori pubblici Alberto Ghigo e il consigliere Maurizio Cadeddu durante un sopralluogo – riqualificherà l'intera zona, perché lo spazio su cui sorgerà la pedana, già utilizzato spontaneamente dai ragazzi del quartiere per giocare al pallone, attualmente versa in pessime condizioni e con i ribassi d'asta sarà possibile anche sistemare i servizi igienici e le strutture preesistenti». Dal Comune fanno sapere che l'intervento, già al netto del ribasso d'asta, costerà circa 46.000 euro.

r.n.p.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo