corteo anziani casa di riposo san giuseppe1
Attualità
Galleria 
Curiosità

Anziani in “corteo” per gustare il primo gelato dopo anni di restrizioni antiCovid

Protagonisti gli ospiti della “Casa di cura San Giuseppe” che hanno assaporato importanti attimi di normalità

Un insolito corteo ha attraversato il centro cittadino. Trentasei ospiti della “Casa di cura San Giuseppe”, dodici persone dello staff sanitario e numerosi parenti scortati da volontari dei Carabinieri e da agenti della Polizia Municipale di Asti, si sono recati alla gelateria “Il Muretto” di corso Alfieri a prendere un gelato.

«E’ stato bellissimo – ha commentato Giulia Leuzzi, direttrice della struttura e ideatrice dell’uscita – dopo questo lungo periodo di chiusura ho pensato fosse giusto, per i nostri ospiti, tornare a sentirsi liberi». Una breve “gita” programmata in pochissimi giorni; “in una settimana” conferma Leuzzi, visto il clima favorevole, infatti, e le belle giornate, dopo essersi consultata con i medici e con i parenti, insieme ai suoi collaboratori ha organizzato tutto.

Un’uscita che sa di vacanza, di libertà, di cose del passato perché non è così scontato per tutti andare a prendere un gelato. «Quando ho avvisato gli ospiti del programma – aggiunge Giulia Leuzzi – erano felicissimi ed è stato anche commovente vedere le persone per strada che al nostro passaggio si fermavano e sorridevano». Ad aspettarli al locale poi, c’era un gelato fatto apposta per loro. «Senza zucchero e senza lattosio – sottolinea la direttrice – al gusto di nocciola e crema di riso».

Anche il sindaco, Maurizio Rasero, saputo della passeggiata ha voluto essere presente per un saluto. Un gelato, quindi, dal valore inestimabile, da ricordare e un’uscita che sarà la prima di tante altre. «Ho già in mente di portarli a mangiare una pizza» rivela Leuzzi e poi magari a teatro, a una mostra o semplicemente a godersi il fresco di un giardino pubblico perché la vita è anche questo, piccole cose, piccolissime. Nonostante tutto. 

[foto Ago]

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo